zelda facebook zelda pinterest zelda twitter zelda instagram zelda RSS
30 settembre 2014

I 287 scalini di Edimburgo

On the road to Wigton | Zelda was a writer
Intorno al 1840, poco dopo la sua morte, Edimburgo ha eretto un monumento di oltre 60 metri per sir Walter Scott
Immaginatevi un pennacchio gotico disseminato di volti grotteschi e statue enigmatiche, forse annerito dallo smog, è vero, ma di certo intriso di fascino e anche un po’ italiano, visto che la grande statua dello scrittore scozzese è di marmo di Carrara. 
Ben 287 scalini vi permettono di toccare il cielo e abbracciare un panorama mozzafiato, 287 scalini sono la prova tangibile del rapporto d’amore e cura che lega la città al mondo delle parole scritte.

Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerFarei un gioco, se non fossi in procinto di raggiungere il festival dei miei sogni (evvivaaaaa!): farei una lista di 287 motivi per cui a Edimburgo bisognerebbe dire grazie per come tratta i suoi scrittori e sono certa che avremmo bisogno di nuovi scalini. La lista dei motivi per dire grazie qui è davvero infinita.Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerQuesta città è un meraviglioso libro da sfogliare, le sue vie sono capitoli avvincenti che raccontano di passaggi e delizie, i suoi muri sono copertine che fondono con maestria l’amore per il passato e l’ambizione per il futuro. Sono ore che non smetto di camminare per la fitta trama di vie che la intersecano e sempre – sempre, davvero non esagero – un motivo di stupore mi costringe a fermarmi e, occhi serrati e bocca semi aperta, ad esplodere in uno “Ma è STUPENDO!!!“. 
Clelia, a ragione, ritiene che ne stia dicendo troppi ma basta guardarla per capire che i suoi “Ma è STUPENDO!!!” saranno di certo più misurati ma non meno sentiti!

Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerLa giornata di ieri dunque ci ha visto incontrare Mrs. Brace, curatrice dei Musei di Edimburgo. 
Con lei ci siamo immerse nella visita del Writers’ Museum (facebook), il nostro primo Ma è STUPENDO!!! della giornata. Il Museo si trova in Lady Satir’s House, non lontano dall’imponente castello della città e riempie di storie, ricordi e lemmi impazziti le stanze di un prezioso palazzo del 1622.

Vi prego, segnatevelo: il Writers’ Museum va visitato.  È gratuito e aperto dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 17.
Al suo interno scoprirete che Robert Burns (detto Rabbie) era anche bellissimo e generoso come pochi (fu lui infatti che pagò la tomba di Fergusson, morto a soli ventiquattro anni nel più completo disinteresse dei più), che Walter Scott scriveva sotto mentite spoglie, perché nella vita istituzionale faceva l’avvocato, e che Stevenson, a Robert Louis Stevenson indossò un particolare anello fino alla morte, portava la scritta Tusitala (narratore di storie) e glielo avevano regalato gli abitanti di Samoa.
Conoscerete l’attività degli storici stampatori Ballantyne, vi muoverete per una ripida scala a chiocciola dai muri rosso fuoco, vi perderete a leggere tutte le citazioni del Makar’s Court, un monumento in continua espansione che ricorda gli scrittori famosi nel cortile di fronte al museo.
Se mai vi dovesse capitare di passarci, cercate Mrs. Brace e stringetele la mano: siete di fronte a una persona di grande gentilezza e conoscenza! Non esagero se dico che il nostro incontro è stato uno dei momenti più belli del viaggio.Edimburgo | Zelda was a writerAltro consiglio che mi sento di passarvi sottobanco è The Old and New Town Tour, il percorso cultural-enogastronomico di EAT WALK (twitterfacebook).
Non fatevi spaventare dal costo dell’iniziativa: il percorso, di oltre tre ore, vi porterà a visitare i posti più belli della città e a provare i piatti tipici del territorio, in contesti che altrimenti, per inesperienza o impossibilità reale (siamo stati anche alla Scottish Malt Whisky Society che, a meno che non siate soci, non vi farà mai entrare) vi sarebbero preclusi.Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerPrenotate la vostra visita e il gioco è fatto: vi dovete solo presentare all’Hotel Du Vin con le migliori tra le aspettative. Una guida illuminata e gentile – la nostra si chiamava Alan – vi condurrà per Edimburgo, illustrandovi posti di una bellezza non comune, regalandovi un’infinità di storie e facendovi incontrare gente vera, che lavora nei ristoranti in cui sosterete e che vi illustrerà i suoi piatti o il whisky che andrete a sorseggiare. 
I gruppi arrivano a un massimo di otto persone, quindi non affollati ma utili per creare piacevolezza e companatico.Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerAlan è stato un mentore eccezionale: mentre camminavamo, era un profluvio di indicazioni, di racconti e suggestioni. Ho pensato di congelare quel pomeriggio, di riporlo nel cassetto degli attimi felici. Il sole baciava la trama delle guglie cittadine, il vento liberava finalmente i capelli e nuvole meravigliose si stagliavano sul verde intenso e rassicurante dell’Arthurs Seat e noi eravamo tutte occhi e orecchie.
Abbiamo mangiato, parlato tantissimo e ci siamo sentite nel pieno di un flusso di energia illuminata e cosciente, un flusso che accoglie il turista e non lo abbandona mai, regalandogli la bellezza dei dettagli, dei sorrisi, dei colori.

Edimburgo | Zelda was a writerEdimburgo | Zelda was a writerGrazie di cuore, cara Edimburgo, mi sei entrata nel cuore e mai, te lo giuro, ti dimenticherò.

Edimburgo | Zelda was a writerProssima tappa? Wigtown!!!
Camilla
Zelda was a writer
#ontheroadtoWigtown #zeldagoestoScotland 

Video e musica (MA AVETE SENTITO CHE PEZZO MERAVIGLIOSAMENTE ROMANTICO HA COMPOSTO CLELIA PER IL NOSTRO VIAGGIO?!): Clelia Bos, la Presidente.

Con Eat Walk abbiamo visitato: Hotel du Vin & Bistro, Demi John, Calistoga, Scottish Malt Whisky Society, Le Di Vin, Ghillie Dhu.
Edimburgo | Zelda was a writer

30 settembre 2014

Gente di Edimburgo

On the road to Wigton | Zelda was a writer
Edimburgo ed io, senza che ci fosse la minima aspettativa, ci siamo innamorate dal primissimo istante in cui ci siamo conosciute. Nessuno di noi poteva preventivarlo, è capitato come nei migliori colpi di fulmine.
Sono scesa dall’aereo e già sapevo che sarebbe stato così: la fila di casette dal tetto appuntito che ci hanno salutato lungo la strada verso il centro me l’ha confermato.
L’aria frizzante, i colori accesi, le interminabili file di librerie che trovi in certi punti della città, tutto mi ha suggerito che ero la benvenuta. Me la porto sulla pelle anche adesso, mentre vi scrivo dalla mia stanza d’albergo, sfruttando la connessione più agile della mattina.
Penso a lei e credo di avere trovato “un posto nel mondo”, una dimensione leggiadra in cui sentirmi felice. In cui camminare  e trovare storie a ogni angolo di strada.Edimburgo | Zelda was a writeredimburgo-1-9Edimburgo è silenziosa, immersa nei dettagli, accoccolata tra le mura quadrate di piccolissimi appartamenti pieni di tutto.
Un tutto vivo, intelligente e ironico.
Vive al secondo piano di una casa piena di orlature che si stagliano sul cielo del Nord. Dalla sua tenda di pizzo bianco, a un tratto compaiono delle mani femminili, stanno pescando un biscotto da un piatto che immagini essere a fiori. La tenda è un sipario calato a metà su quella e infinite altre storie e tu ti chiedi come finirà quella visione di pace, se finalmente qualche biscotto cadrà nell’immenso bicchiere di latte freddo in primo piano.
Questa città è una profondità di campo continua, che regala particolari e restituisce vedute d’insieme verdeggianti e intrise di umidità. edimburgo-1-13edimburgo-1-10edimburgo-1-11I suoi abitanti sono sorridenti e gentili, ti chiedono come ti sia trovato dopo aver sorseggiato un banale tè, sono disposti ad aiutarti a trovare la via dell’albergo, quando ti vedono armeggiare con una complicatissima mappa della città.

Siamo in meno, da queste parti: io e Clelia non ci siamo ancora trovate immerse in fiumi di folla, guardiamo gli occhi dei nostri nuovi concittadini e indugiamo in grasse risate, tentando come possiamo di capire la velocissima lingua che parlano.
Tutti si fermato nel cercare di farsi capire, nessuno ha mai dato segni di cedimento e, quando proprio non è stato possibile evincere il senso delle parole… Beh, abbiamo continuato a ridere.

edimburgo-1-8edimburgo-1-12Cammino per la strada e mi immagino in uno degli infiniti bar, fantasiosi e colorati, seduta a un tavolaccio, nelle vicinanze di un’ampia finestra. 
Un taccuino che aspetta di essere riempito, qualche libro nuovo da divorare, la luce che abbraccia il mio raggio d’osservazione. Immersa nei veloci passaggi delle nuvole, con qualche viso interessante che incrocio per caso e su cui mi domando tutto. Mi vedo lì, a compilare una lista di parole belle da non dimenticare mai, tra le evoluzioni fumose e danzanti di un tè al gelsomino.

edimburgo-1-7 Edimburgo | Zelda was a writer edimburgo-1-5 edimburgo-1-4 edimburgo-1-2 edimburgo-1edimburgo-1-15Edimburgo è la prima tappa del nostro viaggio verso Wigtown e il suo festival (maggiori info –> qui).
Viaggiamo con il supporto di Visit Scotland, deliziate dalla bellezza della gente del posto.
Gente dai colori saturi, quella di Edimburgo. Gente che cammina sullo sfondo epico e a perdita d’occhio di una natura rigogliosa e presente. Gente abituata alla forza del cielo e all’impeto del mare.

Sì, sono definitivamente innamorata. Vado a fare colazione e a fare gli occhi dolci alla stupenda tappezzeria del nostro albergo.
Camilla
Zelda was a writer
#zeldagoestoscotland #ontheroadtowigtown

Il video e la musica sono di Clelia Bos.
Il pasto che vedete ritratto è stato consumato al Lock25.

26 settembre 2014

On the road to Wigtown!


On the road to Wigton | Zelda was a writerAvevo un sogno. E pensavo che mai l’avrei realizzato.
O meglio, dicevo a me stessa: Certo Camilla, che cosa te lo impedirà?! Sei giovane [sic] e forte [sic] !

E poi, alle mie spalle, boffonchiavo: Finirà nella lista affollatissima dei tuoi sogni. Figuriamoci se riuscirai a realizzarlo! Prima devi vincere l’Oscar, scrivere il tuo secondo libro, sposare un uomo bello e intelligente, …

Rifacciamo.
Avevo un sogno che credevo non sarei mai riuscita a realizzare.
Questo sogno mi catapultava in Scozia, nel pieno del Wigtown Festival (facebook - twitter), una kermesse letteraria pazzesca che si tiene ogni anno nell’omonima cittadina nel Galloway.
Per intenderci, Wigtown ha circa mille abitanti e più di dodici librerie, alcune di queste sono soppalcate così, se sei uno che le parole le ama davvero, puoi decidere di dormirci in mezzo.WigtownHo saputo della sua esistenza due anni fa, di questi tempi: L’Internazionale aveva pubblicato un servizio di Reiner Luyken, giornalista tedesco del Die Zeit, tutto dedicato al “regno dei libri”. L’ho letto – vi giuro – con le lacrime agli occhi, ho strappato il servizio dal giornale e ho chiamato la mia socia Clelia.

Clelia, ci sarebbe questo festival scozzese… Io andrei il prossimo anno, che ne dici?
Come sempre accade, Clelia ha accolto con estremo entusiasmo la mia idea ma poi siamo state fagocitate da tantissima vita e no, non ci siamo mai andate.

E ora tenetevi forte.
Grazie a Visit Britain (facebook - twitterVisit Scotland questo sogno si sta per realizzare.
Lunedì parto. Parto con la socia (con chi se non lei?) e per una settimana vi scriverò dalla Scozia, raccontando il mio “ON THE ROAD TO WIGTOWN“.
Sono emozionata e continuo a ripetere: Oh MY God!
Wigtown
Partiremo da Edimburgo e attraverseremo parte del Paese, incontrando musei, volti, castelli, fantasmi, pub (in questo io farò un rito scaramantico), scogliere a picco sul mare e passaggi impazziti di grandi nuvole nordiche.

Arriveremo a Wigtown con il sorriso dei viandanti 2.0, ci faranno di certo male i piedi e io avrò comprato almeno duemila cartoline. Scopriremo la sua storia, incontreremo la gente che vi abita, cercando di raccontarvi l’energia con cui questa città, che negli anni ’50 era tra i comuni più poveri della Scozia, nel 1998 sia diventata la “Scotland’s national book town“, grazie all’intuizione d’investire tutto sulla cultura.
Tutto sulla cultura, tutto sui libri. Non trovate sia “fantascientifico”?!

Jessica Fox Ma non è tutto! Nell’articolo di Luyken ho scoperto la storia di Jessica Fox (twitter), una videomaker americana con un lavoro alla NASA che, dall’altra parte del mondo, sognava Wigtown ancora prima di sapere che si chiamasse così.
Una ricerca su google e la richiesta di un piccolo periodo di lavoro presso la libreria The Bookshop (facebook - twitter), l’hanno catapultata in un’altra dimensione, facendole trovare l’amore e un nuovo posto dove vivere.
La sua storia è stata raccontata anche da The Guardian (qui) e dal Daily Mail (qui). E se siete proprio curiosi, questo è Shaun Bythell, il proprietario della libreria in cui si è trovata a vivere per un simpatico gioco del destino, lo Euan del libro.


Da questa storia meravigliosa è nato anche un libro (poteva essere altrimenti?): Three things you have to know about rockets. Ve lo consiglio con il cuore!

Il nostro viaggio farà riferimento a molte delle tappe e dei pensieri descritti nelle sue pagine.
Three things you need to about rockets Quindi non mi resta che preparare la valigia!
In alto le mani, evvivaaaaaa!

Camilla
Zelda was a writer
#zeldagoestoscotland #ontheroadtowigtown

In viaggio con noi, le inseparabili bambine Canon <3 C’era da dubitarlo?

(credits: ph. 1 - ph. 2)

 

25 settembre 2014

7 tips per amare Milano

Buongiorno a tutti, miei cari!
Nell’ultima settimana, su instagram e twitter, ho collaborato con Galatine (instagramtwitter - facebook), le storiche caramelle al latte che – credo di non sbagliarmi - hanno abitato i ricordi d’infanzia di ognuno di noi.

Ho partecipato a Galatine Blitz, il gioco-sfida attualmente in corso, proponendo una mia particolare idea su Milano. Volevo raccontarvela con piccole ma corpose pennellate di colore. Volevo regalarvi qualche ricordo intimo, una manciata di pagine di diario. Ne è nato un progetto di scrapbooking, pieno di parole, strappi e fotografie.
Mi sono divertita un sacco, talmente tanto che ho deciso di creare un post che ne riassumesse tutte le tappe e proponesse sette tips per amare Milano (Milano o qualunque altra città che accolga con piacere ogni vostra nuova mattina).

7 TIPS PER AMARE MILANO

1. SENTIRSI PARTE INTEGRANTE DEL CIELO
Il cielo della città che amiamo ha registrato tutto: nefandezze e verità.
Il cielo attutisce i colpi di pensieri boomerang, regala stelle lontane e pulsanti, improvvisi arcobaleni che si estendono tra intricati accrocchi di tetti e antenne paraboliche.
Il cielo non va mai dato per scontato.
7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer2. TROVARE IL PROPRIO “POSTO dello STUPORE”
Trovare un punto che regali l’emozione dello svelamento, la siepe di Leopardi.
Disporsi a pochi passi dalla visione di ciò che ci regala sorriso e ricordo e iniziare a camminare con emozione.
La magia sta in quei cinque passi prima!
7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer3. INVENTARSI STORIE
Diventare narratori della propria città, inventare nuovi capitoli del proprio spazio vitale. Raggruppando indizi, costruendo trame e ipotizzando passaggi.
Fare di tutto per regalare nuova linfa all’epica cittadina. Farlo con enfasi e amore per la metafora.
Essere i primi lettori delle proprie favole.

7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer4. TRACCIARE TRAGITTI PERSONALI e POETICI
Individuare la mappa della propria felicità cittadina, organizzare fughe verso un parchetto che regala il profumo dell’erba appena tagliata o appendere i propri desideri lungo le orlature di un edificio misterioso.
Salutare sempre il lattaio e intrattanere lunghe conversazioni con l’edicolante.
Per educazione, prima di tutto.

7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer5. FARSI ISPIRARE DA NUOVE PROSPETTIVE
Difendere a spada tratta i propri tragitti e le consuetudini ma sperimentare nuovi spazi, nuove prospettive.
Una città continua a essere lo scrigno di piccoli tesori, anche per chi l’ha girata in lungo e in largo.
Credere fortemente che, oltre un portone intarsiato o nella corte di una casa di ringhiera, esistano nuove occasione per amare il posto in cui si vive.
Chiedere permesso e perlustrare.

7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer6. COLLEZIONARE STORIE BUFFE E I LORO INDIRIZZI
Ricordarsi di tutte le storie più buffe che la vita abbia regalato a noi e a chi ci ha accompagnato per lunghi o brevi tratti di vita. Custodire solo il sorriso della storia buffa e l’esatto punto in cui è stata messa in scena.
Ogni volta, passare da quel punto – specie in giorni di pioggia o nel pieno di incavolature colossali – sarà l’occasione di un pensiero felice.

7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer7. ASCOLTARE I MURI
Ascoltare i muri e tutti quei messaggi che la città ci fa pervenire in modi davvero bizzarri.
Essere attenti e curiosi, premiare come si può la bellezza.
E poi, non smettere di sentirsi parte di un gruppo immenso e variegato, che tenta come può di esprimersi, di creare un legame, di spargere pezzi di sé lungo il cammino di tutti i giorni.

7 motivi per amare Milano | Zelda was a writer

Galatine Blitz, che durerà fino a lunedì, chiama a raccolta gli abitanti di Milano e Roma e chiede loro di sfidarsi a colpi di instagrammate e status che raccontino la bellezza e la specialità della loro città.
La città vincitrice riceverà un grosso caramellone pieno zeppo di Galatine e tutti i suoi abitanti potranno attingere ad esso per l’intera giornata del 4 ottobre.

Come partecipare? Come far vincere la propria città?
Semplice! Postando foto su instagram o condividendo tweet che raccontino il vostro amore per la città che tra le due vi ha dato i natali o di cui vi sentite cittadini honoris causa.
Ogni vostra espressione, che varrà un punto a favore della città per cui giocate, dovrà contenere due hashtag: #galatineblitz e #mi (per Milano) o #rm (per Roma).
Anche chi non diffonde contenuti può partecipare! Basta votare qui per la propria città!

Che sia una giornata dolce per tutti voi!
(Corroooooo)
Camilla
Zelda was a writer

news - zelda was a writer Farfalle in un Lazzaretto - Amazon

news - zelda was a writer
zelda is a writer - zelda was a writer My Words - Zelda was a writer Books - Zelda was a writer

projects - zelda was a writer WORLDS - Zelda was a writer ALIAS - Zelda was a writer 52 Weeks Project Things - Zelda was a writer Almeno tre cose - Zelda was a writer Les Cahiers du Bonheur


pic nic area - Zelda was a writer d.i.y. - Zelda was a writer a day with - Zelda was a writer GENTE CHE MI PIACE- Zelda was a writer search
recent posts

Articoli recenti








WEBMASTER - Zelda was a writer
Infinity roll - Zelda was a writer
about me - Zelda was a writer email me here I am - Zelda was a writer Bastian Contrari shop - Zelda was a writer Flickr - Zelda was a writer never without - Zelda was a writer Gina Lagorio Orson Welles Walter Benjamin André Bazin Elsa Morante Italo Calvino Truman Capote Nicole Krauss Raymond Carver Camillo Sbarbaro Joan Didion older posts - Zelda was a writer
©all rights reserved - zelda was a writer
L’anno del pensiero magico di Joan Didion

L’anno del pensiero magico di Joan Didion

I quattro libri di lettura – Lev Tolstoj

I quattro libri di lettura – Lev Tolstoj

La Camera Chiara di Roland Barthes

La Camera Chiara di Roland Barthes

Antonio Tabucchi e i nodi dell’arazzo

Antonio Tabucchi e i nodi dell’arazzo

4 regole per chi ama scrivere

4 regole per chi ama scrivere

css.php