5 marzo 2011

Métro, boulot, dodo: besamos en Français (cit.)

Camilla - Zelda was a writer

People I like

Ay, ya no se canta
Como se cantaba ayer
Ahora dicen : “Ven, tomamos un café
Besamos en Français”
No, ya no se canta
“Sin tu amor me moriré”
No se grita ya
“No aguanto ese sufrir…
Quiero vivir…”. Linda canción
(Mi Vanidad, La Llorona – Lhasa de Sela)

Ecco una nuova idea per Zelda! :P
Con Métro, boulot, dodo condividerò qualche ricerca ispirazionale con voi… sempre che la cosa vi faccia piacere!
Mi trovo spesso a fare ricerche di questo tipo per le ragioni più disparate, ma in questo caso potrebbe diventare un modo per condividere nuove scoperte o semplici bellezze di colore per gli occhi! Senza appuntamenti fissi, senza l’ansia di trovare per forza qualcosa, ma solo quando mi capiti qualche insieme degno di nota.

Inizio dunque con questo insieme mooooolto francese. La canzone che ha ispirato il titolo (una delle mie preferite di Lhasa de Sela) la trovate qui. Mettetela a tutto volume, prima di chiedervi a cosa conducano i tre oggetti fotografati su uno tra i più bei centrini confezionati da Rosa (mia nonna).

E ora la spieghella dei tre punti:
1. foto/cartolina vintage acquistata anni fa ad un mercatino:
Saône et Loire, 29 maggio 1905 – testo rovinato, ahimè. Si leggono solo il timbro e alcune parole in francese tra cui spicca un nome, Mademoiselle Marie Louise Lalarme (?), di certo la bellissima protagonista della foto.
2. les Anis de Flavigny – Violette:
regalo di un amico: deliziose!!
3. ...zzi miei – Rockingchair handmade:
un regalo di Natale a cui tengo moltissimo e che al momento protegge degnamente (e in modo smisuratamente elegante) il mio hard-disk esterno.

Buon week-end, mes amis adorés!

E intanto mi accorgo che c’è un problemuccio nella dashboard del mio blogghetto… Giooooooooooooovaaaaannniiiii!! uffi :((
… risolto ;)

6 pensieri su “Métro, boulot, dodo: besamos en Français (cit.)

  1. Justine

    Ma, ma, ma è meraviglioso!
    Non mi sento solo tirata dans la dance solo per la pochette, è il gusto des Anis che sento fino a qui.
    Mètro, boulot, dodo..c’est Paris chez Camille
    Comme balla l’occhio a te, non balla a nessuno…le foto ringraziano la danza!
    <3 x 18

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *