26 marzo 2013

Un periodo (pieno) di sorprese!

Camilla - Zelda was a writer

Daily thoughts

camilla - marzo 2013Buon martedì a tutti, cari Amici di Zelda!
Oggi mi fermo e festeggio questo periodo pieno di sorprese.
Lo voglio fare pubblicamente perché – fuori da ogni piaggeria – molta parte di questa gioia deriva da voi, dalla vostra presenza luminosa e delicata.
Devo farmi perdonare per tutte le mail che attendono risposta da tempo immemore e per i commenti che ogni tanto mi perdo su instagram. In effetti ho capito che non riesco a fare tutto (che sia una lezione per il 52 weeks project?). Ho realizzato che, se voglio lavorare, sperare in un futuro migliore, dedicarmi a nuovi progetti e collaborazioni, ogni tanto ci sta che io perda i pezzi e faccia confusione. Confesso di non vivere benissimo questa ovvietà, ma tento come posso di essere saggia e procedere.
Voi tentate di sopportarmi perché, per ogni imperdonabile defezione, c’è un piccolo omino del mio cervello che lavora per qualcosa. Per un’intuizione, un tentativo, una speranza.
camilla - marzo 2013Ciò premesso, in questo post di festeggiamento vorrei ringraziarvi per il supporto che state regalando al mio libroFarfalle in un Lazzaretto sta andando benissimo, molto meglio delle mie più rosee aspettative!
Per me “andare benissimo” al momento significa “circolare di mano in mano”, “essere letto”. Quindi – benché figuri in vendita su Amazon – qualunque opera di lettura condivisa sarà assolutamente gradita e rientrerà appieno in questo sentimento di gioia estesa, di rinnovato batticuore.
Prestatelo, regalatelo, leggetelo.
Voi non lo sapete, ma ogni vostra considerazione (e sì, ammettiamo anche le critiche), mi regala il coraggio di riprovarci, di seguire con tenacia la mia più grande passione.

Grazie a tutti coloro che mi hanno regalato una testimonianza della mia presenza nella loro vita (qui le foto) e a chi ha pensato di dedicarmi spazi e pensieri (grazie a Bianca, Clara, Erika, Claudia, Cinzia, Averali, Benedetta e Alessandra). Se mi sono persa qualche coccola per strada, vi prego di avvertirmi perché queste espressioni così inaspettate rappresentano per me dei veri e propri tesori!
Tornerò a parlare del libro: ricevo moltissime mail in cui mi viene chiesto come ho fatto a pubblicare, quali siano stati i miei pensieri, i miei passi. Spero che il post che ne seguirà vi sia utile, spero che vi faccia capire che qualunque cosa alberghi nel vostro cuore merita di essere inseguita e valorizzata, a dispetto dei tempi grami, della timidezza e dell’abbattimento. Più frequento le stanze della vita e più mi rendo conto che esiste un senso speciale per ogni finestra che sia apre improvvisamente, regalando luce e calore, e per ogni porta che si chiude con un antipatico tonfo.

camilla - marzo 2013Vorrei ringraziare questo periodo ad alta voce. Vorrei mettermi in piedi sulla sedia e recitare una poesia innamorata. Sbagliarmi con le strofe, inventare sull’onda dell’emozione. Vorrei cercare gli occhiali da sole e scoprire di essere improvvisamente al mare. Vorrei citare i nomi di chi mi continua a tenere stretta in un abbraccio, di chi mi sprona a uscire dal guscio, di chi mi pensa per nuove ed entusiasmanti avventure. Vorrei cantare. Ok, scherzo. State lì, non canterò… almeno non per oggi.

Vorrei dirvi che ce la sto mettendo tutta, che stanno arrivando nuovi progetti, che i vostri commenti al mio post per Vanity Fair mi hanno fatto sentire parte di un bellissimo gruppo, di un flusso di energia che mi tiene sempre a galla, nonostante i giorni di improvvise mareggiate.
Le mareggiate sono democratiche – non fatevi ingannare dai vestiti a pois o dalle uova di Pasqua colorate – ma inizio a credere che molta parte delle nostre tragedie quotidiane ci stia suggerendo qualcosa di saggio e rivoluzionario. Qualcosa di così semplice da non essere quasi mai contemplato. Qualcosa di fronte al quale, con l’espressione accigliata, si è soliti dire: Nooo, era tutto qui?! Non può essere!
E così, sebbene molte delle recenti tragedie siano insensate e assolutamente infingarde, io non voglio farmi abbattere. Anzi, vi prendo per mano: insieme tutto è possibile.

Buona giornata a tutti e perdonatemi per tutti i denti che ho fatto cariare con queste parole :)
xoxo

32 pensieri su “Un periodo (pieno) di sorprese!

  1. ilaria

    Nessuna carie, tranquilla.
    Grazie, tanta speranza, voglia di andare avanti, la consapevolezza che le mareggiate arrivano anche da altre parti per non sentirsi soli.
    Oggi ancora non riuscivo a dare un verso a questa giornata, forse adesso sì!
    grazie

    Replica
  2. spaffola

    la frase delle stanze della vita…mi si infila perfettamente in questo pwriodo di profondi cambiamenti…come la scarpetta di cristallo a una speranzosa Cenerentola…grazie

    Replica
  3. LaRobi

    Grazie a te! Sei tu che rendi migliori le nostre giornate! Un raggio si sole che illumina queste giorni grigi (purtroppo spesso non solo atmosfericamente…). Ogni tuo post è un’occasione per pensare, per riflettere, per sorridere…per farmi ritrovare la voglia e il desiderio di fare: sono una devota seguace di Zeld(a)ology! :D
    ti mando un abbraccio gigantissimo!

    p.s. l’immagine di te che reciti la poesia in piedi sulla seggiola è meravigliosa. <3

    Robi

    Replica
  4. claclina

    si fa sempre il carico di bellezza passando da qui. e mi serve per sopravvivere al call center! quasi quasi ai prossimi vaffa che mi sento urlare e a tutti gli auguri di morte consiglio di passare da te, così magari imparano a diventare un po’ più belli dentro anche loro! XD

    Replica
  5. fabiola

    ..è un periodo pieno di sorprese
    in sottofondo a queste imprese
    la musica pian piano salirà
    voglio prendermi un registratore per tenerci dentro le parole
    di quel proverbio che mi servirà…
    (Samuele Bersani)

    Baci Zelda! ;)
    bibi

    Replica
  6. Vero

    Che dolcezza immensa Camilla :)
    Sei una spremuta di ottimismo nonchè un meraviglioso e colorato contenitore di idee. :) il grazie va a te.

    Replica
  7. Cappuccino e Baguette

    Questo post è stata una piccola luce in un giorno uggioso, sotto molti punti di vista. Chi ti segue non può che essere contento dei tuoi successi attuali e di tutti quelli che verranno. Così come accompagnarti nelle piccole tragedie che a volte la vita ci riserva.

    E’ bello leggere in questo post che, nonostante tutto, sei ancora in piedi ed hai ancora tanta voglia di ballare!
    Coraggio! ;-)

    Replica
    1. Zelda was a writer Autore articolo

      subito sulla sedia a recitare la poesia con me!
      dai che ci divertiamo: io prenderò una bella capocciata contro il lampadario e si riderà moltissimo!
      ;)
      un bacio forte! ma proprio forte!
      <3

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *