zelda facebook zelda pinterest zelda twitter zelda instagram zelda RSS
3 giugno 2014

Bookeaterclub: da Holden ad Arturo

Club di Lettura - Yes I'm a bookeater | Zelda was a writerBookeaterclub | Zelda was a writerBuongiorno a tutti! Buona settimana corta!
Oggi vorrei fare il punto della situazione (senti come sembro seria!) sul nostro BookeaterClub di maggio e darvi il titolo del prossimo libro da leggere per l’ultimo incontro della stagione, che si terrà a Open More Than Books mercoledì 25 giugno alle 19.

L’incontro di maggio sulla nuova traduzione de Il Giovane Holden (qui il post che lo introduceva) è andato alla grande!
Abbiamo avuto modo di ragionare sulla sua fama imperitura e mondiale, abbiamo citato il recente documentario sul suo autore (ne avevo parlato qui) e ci siamo soffermati sul senso del Tempo – quello vissuto velocemente, nelle vicende in cui Holden è coinvolto una volta lasciata la Pencey Prep, e quello pensato, interrogato e odiato nel suo animo confuso e in perenne ricerca. Tre tempi, dunque: il tempo della narrazione, il tempo della storia e il tempo interiore del protagonista.

Holden Caulfield vorrebbe essere “l’acchiappabambini nel campo di segale”, vorrebbe difendere l’infanzia dalla lenta e inesorabile avanzata della vita adulta e delle sue ipocrisie. Vorrebbe squarciare il velo dell’ovvietà, essere il libero pensatore del dietro le quinte, ribellarsi all’evidenza per perdersi finalmente nell’arcobaleno di una pozzanghera come tante o nella ricerca delle anatre di Central Park in inverno.
Dove andranno con la stagione fredda? Questa domanda non smette di tormentarlo.

Verità e ipocrisia sono le parole più utilizzate nel libro: questa dicotomia continua a puntellare l’instancabile e avventurosa quête di Holden nei meandri della Grande Mela. Ogni persona che incontra, ogni adulto, pare rivelare, presto o tardi, un’insofferenza al dialogo, una condotta corrotta e priva di cura verso il grande passaggio esistenziale di questo sedicenne. Il suo vagare donchisciottesco ci ricorda quanto le storie di personaggi alla ricerca finiscano sempre per parlare di noi… Bookeaterclub | Zelda was a writerLungo la nostra ora di confronto, ci siamo interrogati sul linguaggio, sul fatto che, con le sue continue ripetizioni e con certe formule colloquiali, ci porti lontano da Holden e, in un certo senso, porti lo stesso protagonista lontano da sé.
Abbiamo sottolineato il rapporto tra una materia così fortemente emotiva come la straziante perdita dell’ingenuità e il modo in cui viene esposta.
Ci siamo concentrati sul dualismo tra Holden personaggio, a cui nessuno presta attenzione, e l’Holden narratore, che verrà letto da milioni e milioni di persone.
Abbiamo analizzato certi simboli: il cappello da cacciatore, il museo, la giostra…
La nostra attenzione, poi, si è concentrata sul personaggio di Phoebe, la sorellina di 10 anni, il simbolo della saggezza dell’infanzia. Un punto di riferimento leggiadro con cui il libro termina la sua corsa: Phoebe che continua a girare su una giostra, senza posa, quasi a voler suggerire una certa circolarità della vita e dei suoi momenti cardine.
La nostra Phoebe noi ce l’abbiamo, si chiama Veronica e con i suoi ricci sorridenti ci regala l’emozione delle cose belle che si fanno per la prima volta (le mani che sorreggono il libro pieno di appunti sono le sue).Bookeaterclub | Zelda was a writerQuesto, ovviamente, per sommi capi.
Ci vorrebbero un’infinità di ore e tanti, tantissimi articoli per esaurire tutte le dinamiche di questo libro.
Ecco qui due foto che Vanessa di Open ci ha scattato mentre eravamo immersi nelle nostre parole… Bookeaterclub | Zelda was a writerBene, ora procediamo.
Il nostro prossimo libro?
Sarà lui:L'Isola di Arturo | Zelda was a writerSarà l’Isola di Arturo di Elsa Morante.
Sarà un bacio di salsedine sulle fronti di chi ha partecipato a questo bellissimo anno di libri e confronto, un bacio veemente come il vento delle isole ma poetico come la miracolosa estensione di certi tramonti indimenticabili.
Sarà l’occasione di parlare di una nuova ricerca, di un nuovo passaggio dall’infanzia alla vita adulta.

Lasciamo così l’America e raggiungiamo una piccolissima isola, preda di correnti e approdi. Lo facciamo grazie alla penna meravigliosa e magica di una delle mie autrici preferite.Elsa Morante | Zelda was a writerL'Isola di Arturo | Zelda was a writerElsa Morante | Zelda was a writerL'Isola di Arturo | Zelda was a writerSe qualcuno ha letto il mio primo e al momento unico libro, Farfalle in un Lazzaretto, sa quanto la Morante significhi per me, per le mie parole scritte.
Questo non è un sotteso invito a leggerlo, ma una prova provata di quanto certe esistenze, che non ti appartengono per contiguità fisica o temporale, diventino il tuo faro nelle furiose notti di tempesta… Di quanto si possa essere vicini anche se non ci si è conosciuti, di quanto a certi sconosciuti della penna telefoneresti per fare domande di massima sulla vita e sul destino invernale delle anatre di New York.
Io alla Morante avrei telefonato. E lo so già che avrei detto cose assurde, balbettando concetti perfetti ma drammaticamente tradotti in cocci di parole.

Ho scelto L’Isola di Arturo per regalarvi una gioia che mi ha colto all’improvviso. Nella speranza che sia anche vostra.

Un’ultima cosa!!! Durante l’incontro di giugno, vorrei creare UN PICCOLO VIDEO sulla nostra esperienza di BOOKEATER famelici e sorridenti!
Nessuna traccia audio dei nostri discorsi, solo qualche immagine e una musica che ci accompagni.
Devo ancora organizzare tutto e può essere che l’intenzione continui a rimanere tale (come sapete qui si naviga a vista!)… Voi, però, vestitevi ugualmente eleganti ;)

E per festeggiare la fine della nostra festa di pagine scritte e lemmi, potremmo concederci una pizza o un tardo aperitivo… Che ne dite?
Ultimamente, la Roby ed io indugiamo al Kapuziner, parlando di Oktober Fest e di viaggi nell’Europa orientale… Bookeaterclub | Zelda was a writerBookeaterclub | Zelda was a writer Bene, credo di avere detto TUTTO!
Vi stritolo e vi ringrazio.
Sempre.
Camilla
Zelda was a writer

 

ph. credits: tutte le foto sono mie, scattate con la mia Samsung NX30 (domani ve ne parlo), eccezione fatta per quelle scattate da Open More Than Books (grazie Vanessa!)
La foto di Elsa Morante appoggiata sulla scrivania è tratta da qui.
La foto di Elsa Morante impegnata a scrivere è tratta da qui.
Quelle relative ai materiali de L’Isola di Arturo sono tratti da Le Stanze di Elsa. Il progetto è meraviglioso, dategli un’occhiata e mi direte!

You may also like

11 Commenti a “Bookeaterclub: da Holden ad Arturo”

  1. Alice scrive:

    Sembrano super i vostri incontri… Quanto vorrei esserci!!
    Grazie per condividere la passione che ci mettete! :)

    Alice

  2. Marina scrive:

    Avrei voluto partecipare ai vostri incontri: dalle tue parole e dalle istantanee traspare un’atmosfera accogliente e serena. Purtroppo, alcune volte le distanze non si possono colmare. Peccato!
    Se ci fossi stata avrei letto Holden, più volte ripreso e più volte abbandonato. Chissà…

  3. LaRobi scrive:

    Bookeaterclub: Il più bel Book club del mondo, anzi dell’universo! <3
    Non solo mangiamo libri, ma anche wurstel bavaresi! :D

  4. ArteMamma scrive:

    Elsa Morante…ti capisco.
    E “Il mondo salvato dai ragazzini”? Una folgorazione assoluta per me.
    Buona giornata!

  5. Chiara scrive:

    Io non riesco mai a venire, cavolo.
    Quando ho letto “Arturo” ho pensato al grandissimo Arturo Bandini (Salinger + Fante non sarebbe stato niente male); certo che neanche così si scherza!
    Ottima scelta!
    :D

  6. giulia/ciccia scrive:

    Ho scoperto Zelda was a Writer un’ ora fa e sono rimasta davvero colpita!
    sapete dirmi dove si svolgerà l’incotro?
    In realtà non ho mai letto l’Isola di Arturo, però mi piacerebbe comunque esserci.
    ciao a tutte :)

  7. giulia/ciccia scrive:

    perdono! ho letto meglio e mi sono risposta da sola!
    a presto!

news - zelda was a writer Farfalle in un Lazzaretto - Amazon

news - zelda was a writer
zelda is a writer - zelda was a writer My Words - Zelda was a writer Books - Zelda was a writer

projects - zelda was a writer WORLDS - Zelda was a writer ALIAS - Zelda was a writer 52 Weeks Project Things - Zelda was a writer Almeno tre cose - Zelda was a writer Les Cahiers du Bonheur


pic nic area - Zelda was a writer d.i.y. - Zelda was a writer a day with - Zelda was a writer GENTE CHE MI PIACE- Zelda was a writer search
recent posts

Articoli recenti








WEBMASTER - Zelda was a writer
Infinity roll - Zelda was a writer
about me - Zelda was a writer email me here I am - Zelda was a writer Bastian Contrari shop - Zelda was a writer Flickr - Zelda was a writer never without - Zelda was a writer Gina Lagorio Orson Welles Walter Benjamin André Bazin Elsa Morante Italo Calvino Truman Capote Nicole Krauss Raymond Carver Camillo Sbarbaro Joan Didion older posts - Zelda was a writer
©all rights reserved - zelda was a writer
L’anno del pensiero magico di Joan Didion

L’anno del pensiero magico di Joan Didion

I quattro libri di lettura – Lev Tolstoj

I quattro libri di lettura – Lev Tolstoj

La Camera Chiara di Roland Barthes

La Camera Chiara di Roland Barthes

Antonio Tabucchi e i nodi dell’arazzo

Antonio Tabucchi e i nodi dell’arazzo

4 regole per chi ama scrivere

4 regole per chi ama scrivere

css.php