4 ottobre 2010

I sedici nientini di oggi

Camilla - Zelda was a writer

Daily thoughts

Ogni tanto stilo delle liste di qualche nientino che mi è capitato d’intravedere lungo il corso della giornata. Specie se la giornata è uggiosa. Specie se i grandi movimenti di nuvole e umori riescono a farmi credere che loro avranno la meglio sul mio desiderio di sole.
Frequentando i blog di tanti di voi, mi sono resa conto che il listeggiare ha salvato la vita ad un mucchio di persone e mi viene da sorridere perché siamo tanti, diversi e lontani ma certe piccole intuizioni di pace sembrano attraversarci con una precisione che colpisce e rincuora.

Parto con la mia lista, dedicata a tutti i nientini che oggi mi hanno reso fiera di averci provato:

1. una rosa bianca che alberga sulla mia scrivania (della serie: “le litigate che contano portano sempre qualcosa di buono”);
2. una cornice inaspettata per il quadretto naif di mio padre;
3. l’idea di una serata vissuta tra le cose che più amo;
4. gli scambi di parole con Justine, e questa cosetta qui, chiamata Zelda, che mi regala sempre un sorriso;
5. la cucina che tra due settimane al massimo sarà pronta per farsi cucinare. E lì non ce n’è più per nessuno;
6. due libri di cui domani vi voglio assolutissimamente parlare;
7. la selezione di tisane che mi ha lasciato la mia cugi Vee. Il Tilleul Miel, la mia preferita da qui a sempre;
8. chiarirsi con un amico che conosci da una stagione e del quale sai di non potere più fare a meno per tutte le successive;
9. il sentimento straniato e contorto che ti abita da qualche giorno. Ché, seppure straniato e contorto, è pur sempre un sentire, un vivere, un provare;
10. i biscottini dell’Ikea (che sono più conservatori del governo svedese… e mi scuso per la freddura, ma è tutta mattina che ci penso);
11. il rassicurante incontro con un maglione;
12. le unghie laccate di nero (reminiscenze di periodi dissipati) ;
13. la mina corposa di una matita qualunque, con cui appuntare tutto ma proprio tutto,
14. le collant colorate e i calzini a pois (aggiunti successivamente per il troppo freddo);
15. guardare le mie amiche ed essere capita all’istante;
16. la certezza che domani sarà un’occasione pazzesca per fare tutto meglio. Per fare.

E i vostri nientini di oggi?
Buona notte, Amicibelli!

7 pensieri su “I sedici nientini di oggi

  1. DelleVolte

    dunque:
    i biscottini dell'Ikea (hai già detto tutto tu in merito)conditi con marmellata di fragola;
    il tè alla mela e cannella, imprescindibile e fumante, proprio ora – proprio qui;
    la carezza di bigMolt sulla capoccia mentre non uscivo viva dalla cartaccia;
    un numero di ALBA del 4 giugno 1961, il n.23 per l'esattezza, trovato sotto a un mucchio di numeri del sole 24 ore dell'anno scorso;
    AVERTI, anche quando non ci sentiamo ma è come fossi qui seduta sul divano rosso a disegnare meraviglia;
    un regalo inaspettato recapitato via mail e che sarà note di stupore e magia;
    la purea di patate con il pollo arrosto.
    TU sei adorabile. E bisogna dirselo!

    Replica
  2. Zelda was a writer

    amichessa mia! amichessa.
    vorrei tanto fare una rampetta di scale e trac! suonare al tuo campanello. tanto bisogno di noi che siamo una, sotto questa pioggia. pensa poi se ci fosse pure la mari che ride con tutti i ricciolini d'oro! e la bos(s) che ci riprende e ci suona una bella serenata!
    <3
    dolce notte!

    Replica
  3. AD Blues

    A volte penso di essere difettoso, anche pensando e ripensando non riesco a trovare in tutta la giornata (ed anche in quelle passate) un nientino che valga la pena di essere tale.

    Sarà l'autunno, oppure l'inverno che arriva a grandi passi. Oppure è un inverno degli anni scorsi che ancora non ne vuole sapere di andarsene e lasciare strada alle primavere.

    'notte !!!

    —Alex

    Replica
  4. Zelda was a writer

    @ju: <3 <3 <3
    @alex: un giorno ti mando un ambasciatore zeldiano, che controlli tutti i nientini che ti perdi per strada. dobbiamo risparmiare!

    Replica
  5. Ilaria

    Un nientino che non è proprio un nientino: cena con due amiche che non vedevo da tempo. A casa mia. Nella mia incasinata cucina piena di risate.
    E poi, il nocciolo di avocado che abbiamo piantato io e P. sta spuntando.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *