27 maggio 2011

Piccoli tocchi di giornate irrinunciabili

Camilla - Zelda was a writer

Daily thoughts

Buongiorno Amici!! Buonissimo venerdì a Tutti!
Ecco una rassegna fotografica (con l’inseparabile amico iPhone) delle ultime ore!
Tutto è iniziato ieri mattina, con il feroce taglio delle mie spallotte anni ’80 dal vestito in seta che mi ha regalato la Ceci… Ora le spallotte sono sul mobile della cucina, le guardo con la coda dell’occhio e non oso buttarle: tutta quella seta, tutto quel materiale che le imbottisce… Avete idee fantasiose su come utilizzarle?

Dopo aver dimenticato il problema spallotte, mentre mi accingevo ad uscire, ha piovuto per 10 minuti, o forse 11. Visto che sono una donna previdente, sono uscita che parevo pronta per una spedizione in Alaska. Fatto un chilometro, il cielo si è rischiarato e il sole ha fatto capolino sul mio testone per l’intera giornata. Ettippareva! Immaginatemi. Il caldo e l’afa aumentano impietosi e io mi muovo per la città con con maglioncino, spolverino, sciarpa e stivali. Negli stivali, dopo circa un’ora di tragitto, si è autoprodotto il famoso gamberetto dell’ecosistema.Milano ieri era bellissima. Alta, segreta, silenziosa. Forse l’amica con cui mi avventuravo tra i suoi anfratti mi regalava un punto di vista poetico, forse questo periodo della mia vita non riesce a farmi registrare colori che degradino verso il grigio. Sono felice e proiettata, Amici. Con tante speranze che non oso neanche palesare, nella fremente attesa che qualcosa capiti, che una nuova idea sopraggiunga. Comunque Milano ieri era bellissima. Ho le prove di tutto quello che dico…

Tutto sapeva parlare la lingua del colore, della delicatezza. Le vetrine trasudavano zuccheri saturi e passeggiare con Chiara I. era qualcosa di molto divertente e spensierato. Nonostante il gamberetto negli stivali.

Ieri ho ricevuto in dono un bellissimo fiore…
Arrivati a casa, dopo avergli fatto un poderoso massaggio cardiaco, ha ripreso a respirare e stamattina mi guarda con un aspetto migliore, più rinvigorito.
Sono direzionata come lui, a pensarci bene. Sempre alla ricerca del sole, del bene. Mi dico che questa instancabile ricerca di traiettorie dorate porterà sempre e comunque all’orizzonte, che continua ad essere la sorgente inesauribile delle mie fantasie, delle mie speranze silenziose.
Vi capita mai di guardare quella riga di confine e di chiedervi cosa accada dall’altra parte? Trovo che sia magnifico pensare che nonostante questi giorni iper e interconnessi, nonostante la conoscenza di ogni centrimetro del nostro pianeta, esista sempre una dimensione brumosa e fatata, pronta a farsi giardino segreto di ognuno di noi. Nonostante non esista più spazio tangibile per scoperte dell’ultima ora, la mente viaggia e scopre, complice una buona predisposizione al miracolo e la totale incoerenza della fantasia.

Grazie ancora per tutto quello che fate per me. In queste ore stanno arrivando ancora tante mail, zeppe di piccoli pensieri del cuore. Mi sembra impossibile essere al centro dei pensieri di persone tanto delicate e presenti!
Non mi sono dimenticata delle promesse di ieri… Tornerò con un post su dei magnifici costumi da bagno e con una manciata di bellissime scoperte del web!
Bacibellissimi!
xoxo

Ps: cosa ne pensate di questo regalo bianco? io ne sono già totalmente schiava :DD

6 pensieri su “Piccoli tocchi di giornate irrinunciabili

  1. chiara i.

    E’ vero! Tu sei solare e allegra come un girasole. E la tua presenza fa vedere il mondo con occhi poetici e incantati. Anche Milano.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *