3 Novembre 2011

Il favoloso mondo di Gavino Re – Un mercoledì da leoni

Camilla - Zelda was a writer

Non categorizzato

Lieto ritorno di Gavino Re, Amici belli!
Spero che le sue incursioni aumentino, perché leggerlo è davvero uno spasso! Per quanto mi riguarda, dovrei tornare da voi con il blog del mese: l’avevo già svelato giorni fa, ma che vorrei presentare con i dovuti modi!
Vi auguro una splendida giornata!
xoxoOra, io non mi metto a pretendere che lo spazio e il tempo si prodighino per incastrarsi amorevolmente al solo fine di fare piacere a me. Questo no. Però mi concedo il lusso di pretendere che il mio spazio e il mio tempo quantomeno mi somiglino. (n.d.a. : e garantisco che da quando ho un fratello minore che, su tutto, è stato adottato senza che io potessi dire alcunché, non è affatto semplice).


Mi spiego:
1) se è un mercoledì qualunque e io il mercoledì sono solito, dopo aver consumato un’abbondante colazione secca alle sei circa, ingaggiare una guerra punica con mosche immaginarie fino alle otto /otto e trenta per poi schiacciare indelicati pisolini a scadenza di quei venti minuti l’uno dall’altro sino a che non vien la sera;
2) se i miei pisolini son uso consumarli dove meglio m’aggrada, scegliendomi la location rem a tradimento, come mi viene, sbracando là dove mi porta il naso;
3) se amo lisciare il mio candido pelo ora sul divano, ora sulla sedia, ora sui cuscini della cassapanca, ora sul tappeto;
io mi domando e chiedo: se è un mercoledì qualunque (ed è indubbiamente mercoledì visto che stamattina mi è stata, di grazia, servita la lettiera nuova di pacca del mercoledì), cosa ci fai a casa?
Perché mi hai chiuso sul terrazzo condendomi con il solito cibo delle buone occasioni e tu te la giri per casa lasciando le porte aperte? Perché?
E, ancor più grave: perché lui (lui il grigio, il ruffiano, mantello raso, soldo di cacio ingrassato a tradimento, Don Rodrigo dei miei incubi) è QUI FUORI con me? Già lo sfratto è un affronto tremendo: lo sfratto societario è una TOTALE mancanza di rispetto. C’è una sola sedia e se la vorrà prendere lui. Mi toccherà il vaso e, specialmente in novembre, non è bello.
Comincio a pensare che essere il fratello maggiore di qualcuno comporti dei notevoli svantaggi. In primis, tutto questo dover dimostrare come ci si comporta, cosa si deve e non si deve fare. Io sono stato figlio unico per più di due anni e sono qui, sano e pimpante, dopo aver fatto tutto da solo.
Per capirci: sarei qui sul balcone, senza via di fuga da mister Dumbo, per far capire a lui che l’essere sbattuti fuori di tanto in tanto è necessario e utile all’equilibrio della casa? Perfetto. Io non muovo un baffo e non emetto suono.
Io il buon esempio lo regalo.
Ma, giuro sulla tavoletta del wc, appena si riaprirà quella porta la poltrona farà una brutta fine. Così la prossima volta il mercoledì torni alla solita ora e impari a lavare i pavimenti volando.
Non mi sembra di chiedere troppo.
Salutiamo.

5 pensieri su “Il favoloso mondo di Gavino Re – Un mercoledì da leoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.