22 Novembre 2011

Le cose sistemate per benino e le insegne…

Camilla - Zelda was a writer

People I like

Cari miei, buon martedì!
Ieri, per un progetto di cui vi parlerò/vi parleremo molto presto,  ho aperto un nuovo tumblr. E come se fosse una cosa del tutto nuova (…), ho perso una buona manciata di minuti a cercare qualche motivo di stupore tra le maglie dei suoi infiniti iscritti.
Motivo, anzi, motivi trovati! Ovviamente sono qui per condividerli con voi.
Il primo tumblr che mi ha lasciato senza fiato è il seguente:Gestito da Austin Radcliffe, è già stato ampiamente raccontato con entusiasmo da importanti testate internazionali (controllare per credere: qui), e gestisce una raccolta di foto davvero colorata e sorprendente.
Il soggetto? Cose. Cose varie ed eventuali. Strane e quotidiane. Di varie utilità o assolutamente accessorie. Cose. Organizzate con ordine, senso delle proporzioni, rispetto cromatico o particolare cura per l’infinitesimale. Assolutamente da avere tra i vostri contatti!
Volete qualche anticipazione?
Il secondo motivo di sorriso della mia ricerca è Type Findings, un tumblr gestito da The Happy Panda, dedicato a tutto ciò che a che fare con le lettere, la tipografia e i messaggi scritti. Una delizia vera per cui ringraziare chi l’ha pensato e reso pubblico!

Le foto postate, che a differenza dell’altro progetto sono tutte scattate dalla mano della sua ideatrice, sono davvero piene di fascino… Non trovate?
Se volete curiosare oltremodo, sappiate che il progetto viaggia anche su twitter e flickr.

Buonissima giornata, Amici!
Che sia meno estemporanea di quella che sto vivendo…
Vi stritolo!
xoxo

8 pensieri su “Le cose sistemate per benino e le insegne…

  1. justine

    Mi piace tantissimo quest’organizzazione fotografica, forse perchè è lontana anni luce dalla mia cotica natura e dalla mia assenza totale di logica! Queste foto hanno qualcosa di ipnotico, no?

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.