25 gennaio 2012

Di me… secondo instagram.

Camilla - Zelda was a writer

Daily thoughts

Scusate il ritardo, Amici!
Stamattina, dopo il terremoto, ero così agitata che non sono riuscita a onorare il nostro incontro giornaliero. Sono uscita di casa con l’orecchio teso come quello di un gatto e ho sbrigato alcune faccende noiose, ma utili a non pensare.
Come state? Scossi anche voi?

In questo post pomeridiano, in fervente attesa del tè delle cinque, ho deciso di riassumere alcune verità sul mio conto. Cose della massima importanza, dunque…
Il riassunto fotografico qui sotto, reso possibile grazie al potente occhio di Instagram (a tale proposito, se anche voi siete degli Instagramaniaci, venite a trovarmi qui e amichiamoci senza indugio!), mi ha rivelato certi piccoli vezzi e curiose necessità del periodo…
In pratica faccio ordine mettendo in disordine, adoro le cose kitsch e mangio come un piccolo bue famelico.
Niente di nuovo, ma le foto meritano ;)

Buone ore, Amici belli! A domani, con una sorpresa!
xoxo

8 pensieri su “Di me… secondo instagram.

  1. pa

    lo sai che io porto avanti da mesi la disputa “Gosling-Fassbender”, ahahahahaha (gli attori del momento)! perchè per me Gosling è bellissimomeravigliosostupendo e invece Fassbender non mi dice nulla! ma sono solo gusti. ci sta molto bene però appeso, fa come dire simpatia ;)))))

    Replica
  2. Spirulina

    Calma piatta, almeno dalle mie parti (Nord Ovest) non ho sentito nulla, per fortuna.
    Ma…adesso mi devi risolvere un quesito che mi sono posta guardando una delle tue foto…ma che fine fanno le matite che non consumi mai? Le smaterializzi? Ne fai delle pire cinerarie in onore del Dio Graphite? Vanno nel paradiso delle matite dimenticate? Ti prego….dimmi dove finiscono…o non dormirò più :-)

    Replica
    1. Zelda was a writer Autore articolo

      ahahahhahahahha! muoio dal ridere! scusa, ma mi sono persa il tuo messaggio nel delirio delle scosse telluriche e dell’ultimo mio neurone rimasto…
      dunque, direi che le tengo tutte. e che ne utilizzo di sempre nuove.
      che dici, è una nuova patologia da curare?
      un sorriso!

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *