18 Gennaio 2013

3/52 – Nodi

Camilla - Zelda was a writer

Photo diary

Questa settimana ho pensato al nostro continuo bisogno  di risolverci, sciogliendo nodi e sistemando tasselli.
Mi sembra che una buona dose di autocritica sia necessaria e auspicabile, ma mi sono anche chiesta se sia sempre un bene tentare la pulizia dei punti fragili, degli oggetti di tantissimi nostri dubbi, di altrettante consapevoli lacune. La pratica del tutto sotto controllo non è un immenso e vano dispendio di energie?
Non mi sono data una risposta definitiva, ho aperto per caso una vecchia enciclopedia di famiglia e ho cercato la definizione di “nodo”.

Buon fine settimana a Tutti!
xoxo

4 pensieri su “3/52 – Nodi

  1. Biancume

    Non riesco ad immaginare come potrebbe essere vivere senza avere nodi da sciogliere, forse mi sorprenderei ad essere più serena ma come impiegherei le dita senza nulla da sciogliere? Ma le persone risolte esistono davvero?

    Replica
  2. Giulia

    Mamma mia, quanto mi ci ritrovo!
    Io però alterno fasi di “pulizie di primavera” dei nodi ad altre di accumulo e procrastinazione. A volte sono la regina della procrastinazione (che poi si dice procrastinazione?!). Rifletterò sulle tue riflessioni ;)

    Baci belli Cami e buon fine settimana a te!
    Giulia

    Replica
  3. Evelin

    Di solito i nodi li faccio e non li disfo e i motivi sono principalmente due. Fatico a scioglierli perché a farli mi costa troppa fatica. Mi ci affeziono e quindi mi ci siedo sopra ….

    Replica
  4. Mariella

    Io ho una bellissima collana di nodi…ma pesa così tanto…

    Il problema è che ormai sono come le donne giraffa. Se tolgo la collana perdo il mio fascino e mi rimane solo un collo spoglio e brutto…

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.