13 Marzo 2013

A day with: Tilia

Camilla - Zelda was a writer

A day with...

Ho conosciuto Tilia grazie a uno dei nostri giochi di condivisione su instagram (ve lo ricordate #Amorsi?).
Da quel momento il suo occhio intelligente e romantico è una delle più grandi consolazioni dei miei: Tilia ha un approccio alla vita delicato e stimolante, che induce immediatamente all’entusiasmo.

Qualche tempo fa le ho chiesto di raccontarci una sua giornata tipo e, in men che non si dica, è arrivata una giornata intrisa di passione per la musica e per gli altri.
Trovate Tilia anche su instagram e flickr, intanto, però, prendetela per mano e seguitela nelle sue ore.
A suon di… ukulele!
xoxo

a day with - zelda was a writerProverò a raccontare, anche se vorrei che le foto potessero suonare, forse qualche nota scapperà dalle immagini, e forse… Zelda, ti va di cantare? (Sempre pronta, cara Tilia! ndA)
Ho pensato alla musica per una giornata da passare insieme, alla semplicità di uno strumento che prova a rendere più intonate le mie giornate e che, puntuale, mi soccorre in caso di malumore.
A day with: Tilia | Zelda was a writerAncora ukulele…  spero che chi mi conosce non rida troppo, e spero che chi non mi conosce rida molto, perché è così il carattere di questo piccolo strumento dal nome saltellante, fatto di quattro corde, legno leggerissimo e molto entusiasmo.A day with: Tilia | Zelda was a writerL’occasione è l’inaugurazione della nuova sede del mercatino dell’ukulele che, ignaro di confini e timidezza, diventa anche un piccolo palco con l’intenzione di condividere la musica e una passione comune.

Noi partiamo e, come gli strumenti, è take-away anche la cena…
A day with: Tilia | Zelda was a writerA day with: Tilia | Zelda was a writerAnche i più timidi cambiano approccio di fronte a questa piccola comunità di suonatori, ce ne accorgiamo subito all’arrivo, accolti dalle voci dei bambini, che intonano “ain’t she sweet” suonando ukulele di tutti i colori.

Qui l’età non ha molta importanza e ci si capisce, trovando dimensioni che stanno bene a chiunque.A day with: Tilia | Zelda was a writerPoi inizia un viaggio nel tempo, grazie ad  Ukuleleje e uno spettacolo a dir poco sperimentale, “The real history show”, seguiamo le note dal Portogallo alle Hawaii, durante alterne vicissitudini, e generi mutanti e, dopo jazz, rock, qualche decennio e Tiny Tim, torniamo a noi e impariamo che “kanikapila” significa suonare assieme, in una sorta di jam session accompagnata dal suono del mare hawaiano.

A day with: Tilia | Zelda was a writerLa cena è una festa tra amici, niente buffet e pizza per tutti, ma c’è anche una cucina a disposizione, l’aria è cordiale e rilassata e tutti gironzolano provando e suonando, poi ci si siede e la musica, ricomincia con note classiche e appassionate.

Non possiamo resistere a Dr. Guapo, lui è un ragazzo bello e innamorato e… canta canzoni d’amore!

In fine, incontriamo un signore dall’aria molto formale e molto inglese, è Mr. Andy Eastwood, e ha discusso a Cambridge una tesi in storia suonandola all’ukulele; posso forse farmi scappare l’occasione di incontrarlo? No di certo, e io, solitamente riservata fino all’introversione,  inseguo lui e la sua giacca fino alla cucina per farmi firmare il cd.

Il suono del banjolele è ipnotico, Andy ci sorprende anche al violino e, tra battiti di mani e bambini che ballano, il tempo sembra volare ed eccolo… l’ultimo pezzo.

A day with: Tilia | Zelda was a writerUsciamo con l’eco delle canzoni che ci invita a provare; chi inizia a suonare un ukulele si accorge dai primi accordi che non scoraggia i neofiti e invita ad interpretazioni ardite!

Come disse George Harrison: “Tutti dovrebbero avere e suonare un ukulele, è così facile portarlo con sé, ed è uno strumento che non puoi suonare senza ridere!

Senza arrivare al fanatismo, aggiungo che, anche in fatto di stile, il suo charme conosce pochi rivali…
A day with: Tilia | Zelda was a writer

Vorrei congedarmi condividendo un progetto, nato da un’idea di Paul Moore e da lui condotto; l’idea è di far suonare assieme bambini palestinesi e israeliani in Israele, e di trovare per loro un incontro che, sembra più semplice tradurre in musica che in parole. Questo bellissimo progetto si chiama Ukuleles For Peace e vi aspetta qui, mentre io vi aspetto al prossimo concerto e… kanikapila!

Tilia

A day with: Tilia | Zelda was a writer

9 pensieri su “A day with: Tilia

  1. Biancume

    Ieri quando hai accennato all’ukulele ho immediatamente pensato a Tilia, la adoro, mi ha fatto scoprire l’ukulele inevitabile erogatore di allegria, amo le sue foto su instagram e le rimprovero solo di non scrivere abbastanza spesso e questo splendido racconto mi da ragione.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.