6 Marzo 2013

L’aria di Berlino: Una lettera da qui

Camilla - Zelda was a writer

Non categorizzato People I like

l'aria di berlino - bannerCara Zelda,
solo oggi trovo finalmente un po’ di calma per scriverti.
Mi devi scusare se da molto tempo non mi faccio sentire, le novità qui a Berlino non mancano mai e ultimamente hanno preso il sopravvento. In questo momento sono seduta al calduccio in un bar, tra un’ora ho un importante appuntamento, ordino un Milchkaffee e provo senza tediarti a raccontarti tutto dall’inizio.

l'aria di berlino - febbraio 2013 Quando sono arrivata a Berlino, ormai quasi quattro anni fa, non immaginavo che mi sarebbe piaciuto così tanto vivere qui, ho avuto il coraggio di dire addio alla mia vecchia vita e partire senza prevedere di ritornare. Sapevo bene cosa avrei lasciato e ne sentivo fin da subito la mancanza, abbandonare le amiche e rinunciare alla vicinanza dei parenti cari, per percorrere da sola nuove strade in cui perdersi e sentirsi piccola piccola.
l'aria di berlino - febbraio 2013
Quello che ho trovato in questa città è semplicemente una quotidianità adatta a me e alle mie esigenze, soprattutto di mamma. Non nascondo che è stato molto faticoso, tutto era sconosciuto, non avevo amici, la gente era diversa e la lingua incomprensibile.
Per tre anni mi sono occupata principalmente della mia famiglia, mattoncino dopo mattoncino ho riorganizzato ogni cosa, pensando prima di tutto alla felicità dei bambini, i quali erano anch’essi spaesati e come me si sentivano inizialmente soli. Il tempo indipendentemente dalla nostra volontà, felicità o tristezza, comunque passa e ci aiuta, ci dà chiarezza e forza, e quando mi sono fermata per guardarmi indietro ho visto che tutto era stato ben fatto, certo non perfetto, ma lo sappiamo bene che la perfezione non esiste. Ora i bambini sono cresciuti, sereni e ahimè mezzi tedeschi. Hanno i loro amici, i loro luoghi preferiti, i loro hobby e divertimenti.l'aria di berlino - febbraio 2013
Arrivata a questo punto, penso che sia giunto il momento di prendermi un po’ di tempo per pensare a me stessa, forse per i bambini sarà l’ennesimo cambiamento difficile inizialmente da digerire, ma sento che siamo tutti abbastanza forti per poter intraprendere una nuova, l’ennesima, avventura.
E così è successo che ho deciso di rimettermi al lavoro. Inventare e creare sono le cose che più mi piace fare e, incosciente, mi trovo nuovamente di fronte ad un altro via. Il primo marzo mi verranno consegnate le chiavi di quello che diventerà il mio nuovo Atelier, uno spazio tutto mio dove potermi dedicare alla mia passione.l'aria di berlino - febbraio 2013
Ecco perché ultimamente non ho più avuto il tempo necessario per scriverti, le cose da fare e pensare per l’apertura sono tantissime e le giornate sono diventate delle vere e proprie corse contro il tempo, per incastrare tutto e occuparmi di fare la mamma e di realizzare un sogno.l'aria di berlino - febbraio 2013
Ti terrò informata cara Zelda su tutto, questo è il mio desiderio.
Sono felice ma nel contempo mi tremano un po’ le gambe. Il mio tedesco poi, è a dir poco maccheronico e mi spaventa cosa saprò dire alle mie prime clienti: “ Hallo, Ich bin Le Dernier CRI!!”.
È davvero incredibile la vita, non smette mai di sorprendermi. Solo cinque anni fa non avrei mai immaginato che un giorno avrei alzato la serranda di un negozietto in Kreuzberg, anche perché nemmeno lo sapevo io cos’era!!!
Sono buffa lo so…l'aria di berlino - febbraio 2013
Ora ti devo salutare ma mi farò viva presto!
Un saluto dal freddo nord… Sta nevicando !!
con affetto

9 pensieri su “L’aria di Berlino: Una lettera da qui

  1. riciclattoli

    Wow, io qui in bilico tra l’Italia e la Germania, che dopo 5 traslochi in 7 anni (eh già..) di energie non so nemmeno più dove prenderne, leggo questo post e penso..ma allora si può. Poi il diavoletto negativo mi dice eh ma è Berlino eh -adorata Berlino- mica Monaco… che confusione nella testa! Ma tanto felice per Le Dernier Cri e di aver letto questa lettera positiva! Vale

    Replica
  2. Biancume

    Sapevo di questa bella novità perché grazie a Zelda seguo Cristina, il suo mondo creativo e colorato mi piace tantissimo e ne approfitto per farle il
    Mio Bon Courage di cuore

    Replica
  3. Vero

    I progetti della Cri sono descritti con tanto entusiasmo che mettono di buon umore anche me e mi rendono piena di buoni propositi anche perchè è da settimane che mi ripeto di chiudere gli occhi e buttarmi in nuove avventure. :)
    Un abbraccio a Cri e uno a te Camilla

    Replica
  4. Mariella

    Ho letto questo post con un martello nel cervello…Via, Via, Via, Via, Via…

    E se Cristina ha preso baracche, figli e tutto il resto e ha potuto ri-cominciare…perchè non farlo ancora anche tutti noi che lo sognamo.

    Forse bisogna far togliere i cubi di cemento dai piedi.

    Complimenti.

    Replica
  5. uila

    Che bel racconto! ti faccio un grande in bocca al lupo, per la tua nuova avventura! Chissà che belle sorprese e scoperte farai.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.