3 Dicembre 2015

I preziosi indizi del Destino

Camilla - Zelda was a writer

Daily thoughts Stationery

barchettaBuongiorno a tutti!
Contro ogni evidenza e ogni silenzio, vorrei dirvi che ci sono, che non ho smesso di pensare a questo posticino come al mio luogo-non luogo delle parole e che corro come una matta, talvolta sfranta di stanchezza ma con una forza portentosa che mi sostiene e che, francamente, non so dirvi da quale zainetto io abbia tirato fuori.

Sono qui per darvi una “geologalizzazione” del mio periodo. Mi dico che magari potreste raggiungermi a metà strada e che potremmo deliziarci con una magica seconda colazione.

La mia cartoleria è un fatto sempre più reale. 
Mi trovo in quella zona di cose fatte e quasi pronte per essere pubblicate ma con ancora un mare di piccoli dettagli e di incombenze a cui rispondere con solerzia. Ho ben due mail, stasera dopo le 18 avrò un timbro, una pila di ricevute fiscali divide l’armadio con le amate t-shirt.

Il drammatico fatto di essere una e non trina, non solo non è cambiato di una virgola, ma non riesco ancora ad accettarlo, nonostante mi reputi una persona abbastanza assennata.
Eshop | Zelda was a writerIl mio eshop è a un passo dall’essere un fatto reale, dunque. Le agende dovrebbero essere pronte per il 14 dicembre, ieri ho mandato in stampa altri due prodotti e sono qui che fremo in attesa di averli tra le mani. Inoltre, cosa non meno importante, i fatti burocratici sono stati ampiamente analizzati con le mie due commercialiste, donne a cui devo non solo la gestione dei miei numeri ma anche l’entusiasmo reale e concreto per la mia impresa.

Ho addirittura fatto pace con gli sbagli che ho commesso e che commetterò, con la mia incapacità pratica, con la totale assenza di formazione per l’ambito in cui sto traslocando. Poi – questo lo dico sottovoce – nel pieno delle mie nottate insonni, ho addirittura individuato dei collaboratori a cui chiedere una mano se l’impresa dovesse crescere.
Mi pare ci sia tutto: una base di sano pragmatismo (questo sconosciuto) e la voglia di pensare in grande.

Però, c’è qualcosa che non dipende da me, qualche prezioso indizio fornitomi dal Destino, qualche necessaria indicazione di percorso non richiesta ma benedetta.

In questi mesi sono successe alcune cose che reputo miracolose e che hanno dato un senso chiaro al mio viaggio. Sono pronta a partire e anche a cambiare strada, non ho più paura di dare un nome alle destinazioni e di lottare perché la mia vita viaggi sempre su una strada sicura. Ho voglia di ascoltare musica, di finestrini abbassati, di capelli che volano nel vento e di percorsi inediti. Ho voglia di arrivare in un posto e sentirmi nuova perché i suoi abitanti mi vedono diversa, perché ho avuto il coraggio di uscire dai confini, perché non ho avuto paura di parlare una lingua che non è la mia. 
Mi sono data un arco di tempo per capire i risultati della mia cartoleria ma sono certa di avere già vinto perché questa consapevolezza, questa nuova pelle, mi sta regalando un’euforia creativa nuova ed estesa.

Le cose miracolose, però, ve le racconto. Sono almeno tre.
Eshop | Zelda was a writer1. Primo indizio
L’ESEMPIO DI CHI AMI

Il fatto che la mia amica Justine abbia deciso finalmente di seguire le sue magnifiche intuizioni, che abbia dato vita al suo Funky Mama Collection, che sia capitato in un modo tanto naturale e bello, mi ha permesso di chiedermi cosa volessi, che posto avesse il mio grande piacere del fare in un mondo, quello del blogging, che, volendo banalizzare, è composto da moltissime parole (spesso molto belle) e da troppi (troppi per i miei gusti) momenti didascalici, illustrativi, affettati. 

Io sono un’anima creatrice, mi sono detta. Io ho bisogno di fare. Fare cose, incontrare produttori, escogitare progetti che siano fisici, reali, che raccontino storie, che includano gruppi, sapienze, inchiostri, carte. Io devo creare cose che restino.

Non so se dirvelo – perché temo rasenti la mia definitiva pazzia – ma da quando ho deciso di essere una cartolaia, cammino per il mondo guardando la carta con occhi nuovi, passandomela tra le mani, definendone la grammatura. Al momento è come se avessi la pretesa di capire il vino che bevo… Non ne so niente ma l’intenzione mi piace, la voglia di imparare qualcosa di nuovo mi stimola.

Tornando a Justine, la cosa migliore che possano regalarvi le persone, la linea con cui io divido gli amici dalle semplici frequentazioni, è la generosità con cui vi viene regalata un’intuizione, la gestione pratica di un progetto, il sostegno al vostro. Non uno status su un canale a scelta tra i vostri social ma una costante presenza fisica, un telefono sempre a vostra disposizione per le domande idiote di cui vi vergognate, due mani sempre pronte per un applauso.
Adoro questo suo post per il messaggio che veicola: fare bene diventa un dovere in un certo senso civile, condividerne gli strumenti – in modo che tutti possano fare meglio – è a tutti gli effetti una rivoluzione.
Eshop | Zelda was a writer2. Secondo indizio
LE COSE BUFFE CHE NASCONDONO UN MESSAGGIO

Ho un’insegna reale. Una bella insegna con scritto: CARTOLERIA.
In realtà non l’ho ancora prelevata ma sono molto ottimista in merito.

Cosa mi serve un’insegna anni ’70 per un eshop? Beh, direi a nulla! Con ogni probabilità, la isserò sul mio letto, guardandola con orgoglio ogni giorno in cui mi alzo e ci credo, maledicendola con trasporto tutte le volte che la burocrazia ottunde le ultime due povere sinapsi che mi sono rimaste.

Il punto è che un giorno cammini per strada, salmodiando numeri a caso (Partita Iva, numero di Rea, Codice fiscale, iscrizione a questo, password per quell’altro, fattura da saldare, numero di agende da vendere, …) e lei è lì, che ti guarda, pronta a lasciare una storia che si conclude per iniziare il primo capitolo della tua. 
Non so se la pensiate come me, ma ho smesso di sputare i miei numeri e ho pensato immediatamente che fosse un segno, ho pensato alla vita come a una via di insegne che si accendono e si spengono: alcune ospitano nuovi progetti, altri finiscono in discarica, altre ancora campeggiano sui letti di persone folli.
Eshop | Zelda was a writer3. Terzo indizio
LE COSE PRATICHE, GLI INVESTIMENTI DEGLI ALTRI SU DI TE

Lo scorso mese, Adobe mi ha contattata per chiedermi se volessi partecipare a un corso di formazione sui suoi prodotti. Per intenderci, Adobe è il padre (o la madre, fate voi) di Photoshop, Illustrator, InDesign, Premiere e così via.

Io, che ho imparato tutto da sola – e mediamente male.
Io, che inizio una piccola avventura in cui frequenterò i prodotti Adobe più dei miei amici.
Io, che per realizzare una qualunque cosa che chiunque farebbe in una semplice mossa, ce ne metto dalle 5 alle 10.
Io, che avevo pure pensato all’ipotesi di un corso e, dopo aver tirato la drammatica linea dei “vediamo se riesco a metterlo a budget”, ho sentenziato: – L’anno prossimo.

Io, sempre io, ho letto questa mail e mi sono sentita supportata. Da Adobe, dal Destino, dalle barchette gialle che mi abitano la vita, dalla contingenza più fortunata. Mettetela come volete, ma ho pensato che un’altra volta il Destino mi dicesse qualcosa.
Ho a disposizione un anno di Creative Cloud, dunque. Un anno in cui, con l’aiuto di McGyver, di tutti i santi protettori dei grafici-cartolai ma anche di Alberto Comper – il nostro docente e il mio nuovo guru – potrò mettere alla prova la mia creatività ed espanderla in modi che non credevo possibili.
Non so come andrà, ma ipotizzo scenari avveneristici in cui potrei pure cambiare la dicitura del mio biglietto da visita e definirmi una “cartolaia videomaker”… Perché, in fondo, le etichette sono utilissime per catalogare ma poi ci sono le persone, i Destini, le strade che non contemplavi e che ti regalano cammini diversi e gioiosi.

Non so dove mi porterà quest’avventura, sono una frana con il senso dell’orientamento, ma so con certezza che i suoi passi sono pieni di dettagli magici e oggi, più che mai, quello che mi importa di più è camminare. 

Grazie per accompagnarmi sempre nelle mie folli imprese.
Camilla
Zelda was a writer

43 pensieri su “I preziosi indizi del Destino

  1. stella deramo

    Cosa poter aggiungere a questo bellissimo messaggio???
    Ti faccio i miei più cari auguri perchè inseguire un sogno è la cosa più bella che esista. Specialmente in questi giorni in cui non si capisce più nulla nel mondo, in cui si sta facendo sempre più spazio l’odio e la paura. Sei un esempio per tutti noi, un esempio che la forza di volontà è vincente! Che si può continuare a sognare… che bisogna sognare!
    Ti ringrazio dolce CARTOLAIA Camilla.
    PS
    Non vedo l’ora di comprare altre tue creazioni…
    Sto fremendo che inizi il nuovo anno per poter scrivere sulla meravigliosa agenda 365di…

    Replica
  2. Federica

    Sei una forza. I segni esistono. Ti strizzano l’occhio e ti danno quella spintarella come dire “dai,su,lo vedi che anche noi ti sosteniamo?!”
    Credo fermamente in quel che il mondo ci offre: persone,segnali e destino.
    Ti stritolo ♡

    Replica
  3. Linda

    Ti capitano queste cose perchè desideri avvengano, e dalle tue parole traspare un’anima bella che merita tutto quello che sta ricevendo. Ti seguo da poco, grazie al prezioso consiglio di una persona, e già mi sono innamorata delle tue parole!

    Replica
  4. Stefy Bridget

    Ho letto questo post come travolta da un tornado di parole, idee e intuizioni..mi sono sentita senza fiato per te e ho riconosciuto il profumo dei sogni! Ti auguro buona fortuna Camilla, io credo che i segnali dell’universo siano proprio chiari e forti e non li puoi ignorare, ma sono anche convinta che tu sia la vera artefice del tuo magico destino, guadagnato – per quel che vedo – a suon di lavoro e ricerca continua. Bravissima, seguirò con piacere tutti i tuoi prossimi step!

    Replica
  5. martolarem

    Che bel post Camilla!! E’ bellissimo seguirti nelle tue avventure e nei tuoi sogni che, a quanto pare, si sta concretizzando ogni giorno di più! Ho visto degli astucci …zzimiei di Justine:che meraviglia e che bella la vostra amicizia oltre che collaborazione! Ti ho detto che per me sei come una guida in questo mondo di parole e sai, se potessi ora prenderei il treno, un blocco degli appunti, una matita e correrei a sentire quella che è stata ed è la tua esperienza, quali i consigli per muovere i primi passi, per non farsi troppo male e per concretizzare. Come sono felice per le tue mete raggiunte e per quelle ancora che verranno. Saranno giornate piene di lavoro da sbrigare immagino ma sono certa che avrai sempre il sorriso! Faccio sempre il tifo per te e ti abbraccio!
    Marta

    Replica
  6. Elena

    Ma che bello, il tuo sogno è un po’ anche il mio, magari più in piccolo ma magari un giorno diventerà grande. E caspita un corso con Alberto Comper, un nome che mi accompagna da sempre. .. un sogno davvero <3 Il sogno davvero di tutti i grafici.. che bello. Complimenti di cuore

    Replica
  7. ChiaraLaMattu

    Cosa dire? Che tutto questo risuona nei miei piccoli passi (molto più piccoli e penosamente impregnati di timidezza)… e risuona tanto! Sto cercando di seguire quel canto di saggezza che ti colpisce come quella nuvola in cielo quando hai l’istinto di guardare in alto… e lei è lì, come sempre… sei solo tu che a volte ti ostini a guardare s terra. E ovunque ci porteranno questo passi abbiamo già vinto per il coraggio e la follia dei nostri piedi scalzi. Un abbraccio Camilla!

    Replica
  8. Daniela (aniemielsa)

    Sono felicissima per te (che meraviglia vedere un sogno che si realizza) e per me che finalmente potro’ avere la tua fantastica agenda ;)
    Ti abbraccio e…. ci vediamo al bookeaterclub :)

    Replica
  9. Alessandra

    Mitica! Continua così :) segui l’istinto e segui i tuoi sogni anche quelli che ancora non conosci ma che sono germe prezioso per essere sempre felice! Brava!
    Alepecchi & il piccolo Lorenzo ;)

    Replica
  10. Federica/fo_

    Ho sentito dire di sogni fatti di carta, che grazie al cuore, diventano realtà.
    Imparare a credersi. Ma senza prendersi troppo sul serio.
    Un piede vestito, fisso a terra.
    L’altro scalzo, che cattura sensazioni.
    Sei una donna formidabile Camilla.
    Un abbraccio fortissimo.
    Fede

    Replica
  11. Francesca

    14 segnato, questa volta ci riuscirò ma soprattutto tanta felicità, segnali e fortuna per i tuoi progetti. Sono sicura che riuscirai a fare tutto e anche bene, come sempre. Vai! Vai! Vai! :)

    Replica
  12. Giulia

    Buongiorno Camilla,
    essendo da sempre perseguitata dalla paura di essere fraintesa, non mi do pace da ieri. Sento un impellente bisogno di precisare che la mia frase, mentre ci si salutava, sulle tempistiche ristrette per riuscire a prendere qualcosa sul tuo eshop (finendo tutto nel giro di pochissimo tempo) voleva essere un goffo tentativo di farti un complimento e non certo (in alcun modo!) una critica. Sono una frana!! :-/
    Trovo che tu sia, anche (e sottolineo ANCHE) come cartolaia, una sorta di Wonder Woman! Stai facendo un (uno e mille) lavoro incredibile e, personalmente, sorrido ad ogni tuo “sold out”. Fai cose meravigliose, ed è una gioia sapere che sono in tantissimi a desiderarle! E poi… io l’agenda ce l’ho già! ;P :D
    Quindi, altro che pacche sulle spalle! Prenditi il giusto tempo per festeggiarti a dovere, che è cosa più che giusta! ;)
    Così, tanto per chiarire. Ci aggiungo una ola da tifoseria, e tanti auguri di buone feste!
    Grazie grazie grazie
    Giulia

    Replica
  13. Valentina

    Ciao! Mi sono innamorata delle tue agende e dei tuoi cahier ,ma non capisco come poterli richiedere! Perdona l’ignoranza ma questo per me è un mondo nuovo! ?

    Replica
  14. laeliot

    Wooow..ti stimo! Che bello mettersi in gioco,lasciare porti sicuri, investire pezzi di cuore in un sogno! Gioco con la fantasia anch’io, cerco di produrre ciò che ho in mente e conosco la sensazione rigenerante di veder realizzato qualcosa….ti seguo da poco ma ti auguro good luck con il cuore! :)

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.