1 ottobre 2018

I Generi di conforto delle Sorelle Passera

Camilla - Zelda was a writer

Reviews

Generi di conforto | Zelda was a writerGeneri di conforto, “libro di ricette del cuore, storie di famiglia e piccole magie” scritto dalle Sorelle Passera per TEA, mi ha fatto tornare in mente un progetto colpevolmente rimandato negli anni: montare tre mensole in una minuscola nicchia della mia cucina, tra il muro portante e una credenza vecchia come il mondo. Generi di conforto | Zelda was a writer

Montarle e riempirle di libri. Non libri qualunque, però.
Nel tempo ho creato una collezione di volumi da mangiare con lo sguardo e da tenere sempre a portata di cuore. Non saprei dirvi se siano veri e propri libri di ricette, quello che per me conta – e che li ha fatti diventare perle di una collana preziosa – è che pulsino di vita, che raccolgano foto coinvolgenti, che mi raccontino storie vere.

Non mi sazio con la perfezione, io sono famelica di tradizioni, di nostalgie agrodolci, di attese sapienti come il sugo che gorgoglia per lunghe mattine sul fuoco. Meglio se in una pentola di coccio, meglio se di domenica. Mi piacciono pure i fallimenti, a dirla tutta, perché sono loro a insaporire certi aneddoti da raccontare a tavola, gli stessi che non abbandoneranno più la memoria di chi li ha ascoltati.

Generi di conforto | Zelda was a writer

Credo proprio che sia arrivato il momento di montare quelle tre mensole. Lo faccio per Generi di conforto, perché merita davvero di essere mostrato. Ho proprio voglia di inserirlo nel panorama del mio quotidiano, di salutarlo quando apparecchio la tavola o di sfogliarlo quando mi avvicino alla credenza claudicante per prendere il riso o la farina. 

Generi di conforto | Zelda was a writerQuesto libro è bello perché racconta.

Non mostra, ma porge. Non accosta, ma miscela energicamente, come i solidi avambracci delle nonne, che in un batter d’occhio sapevano mettere insieme e infornare promesse profumate alla scorza d’arancia.Generi di conforto | Zelda was a writerGeneri di conforto | Zelda was a writer

Molto prima di essere un libro di dosi precise e di mosse vincenti, Generi di conforto sembra suggerirti che la maionese a volte impazzisce e che il soufflé si può sgonfiare miseramente, un attimo prima di averti regalato la parte più tronfia di sé.
Un attimo prima era il re dei soufflé, pochi secondi dopo solo una misera implosione.

Capita. In cucina come nella vita. Ed è per questo che mi sono innamorata perdutamente del libro di Marisa e Gigi.Generi di conforto | Zelda was a writerGeneri di conforto | Zelda was a writer Perché ti dice la verità senza rovinarti la sorpresa.

Perché ti racconta che le torte infornate con amore sono più buone, che certi piatti mettono insieme i cocci rotti delle famiglie meglio del mastice e che i profumi di una terra lontana e di un tempo perso (o rubato) sono in paziente attesa di una ricetta che li ricomponga, di una forchetta che li assaggi. Non sono scomparsi, quei profumi, sono stati sempre con te. Hanno aspettato solo un soffritto, una padella calda e tutta la tua memoria.

Generi di conforto | Zelda was a writerGeneri di conforto | Zelda was a writerL’Italia è quel Paese in cui puoi questionare fino alla fine dei tuoi giorni su una a caso delle ricette della tradizione, ma è anche il posto in cui ci sarà sempre una ricetta solo tua.

Arriva come la carezza di un tempo felice, è mancante e sbagliata. Forse troppo brodosa o unta. Avresti potuto aggiungerci del pecorino per insaporirla. Forse ci andava meno sale. Se solo l’avessi tolta dal fuoco prima… Una passata in padella l’avrebbe resa senz’altro migliore.
Ma non importa, quella ricetta è tua e dei tuoi. Un solo assaggio e voi vi riconoscete. Persi nei mille angoli del mondo, straziati dalla perdita, imprigionati nell’esilio, voi tornate magicamente insieme.

È imperfetta come la vita, la tua ricetta. E va bene così, non c’è niente che la renderebbe migliore.
Ti ricorderà sempre chi sei e da dove vieni. Ravviverà il ricordo di tavolate infinite, di macchie sulla tovaglia buona, di litigate furenti in cui sono volati persino i piatti e di serate solitarie in cui hai combattuto la nostalgia a suon di cucchiaiate.

La tua ricetta, che miscelata ai suoi ingredienti, si è portata dietro la paziente e tenace storia di tutta la tua famiglia.

Generi di conforto | Zelda was a writerBuona serata a tutti e buona cena!
Camilla
Zelda was a writer

Generi di conforto
Sorelle Passera
TEA

4 pensieri su “I Generi di conforto delle Sorelle Passera

  1. polepole

    Appena ho sentito parlare del libro ho deciso di prenderlo e leggerlo con gusto, perché anch’io come te ho la mia piccola biblioteca preziosa di sapori e ricordi, solo che non ho mensole dove allestirla (occorre rimediare, urgentemente!)
    Ne hai dato un’idea affascinante, sono sicura che leggerlo e riempirlo dei miei ricordi e delle mie ricette, sarà un gran piacere :)

    Replica
  2. Alice

    L’ho fatto anni fa, una piccola libreria di 4 scaffali, in cucina, con tutti i libri che mi danno calore al solo guardarli. Non conosco queste sorelle, ma tu… brava.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.