6 settembre 2012

Les Cahiers du Bonheur: i taccuini di Zelda!

Camilla - Zelda was a writer

Stationery

taccuini, Zelda was a writer, Les cahiers du bonheurE così è capitato! Se vi ricordate, allo scoccare dei miei 35 anni avevo espresso il desiderio di realizzare una linea di stationery tutta mia (era il punto 7 della lista, ecco qui le prove).
Linea.
Stationery.

Avrete capito che con me le parole volano sempre alte! Mi piace sempre che i miei sogni siano impacchettati in termini ambiziosi, in formule grammaticali inoppugnabili… da sempre lo ritengo un modo per dare fiducia agli intenti. Si tratta di un trucco infallibile e, se siete a caccia di idee per procedere, ve lo consiglio di cuore.

Tornando a bomba…
Ho ardentemente voluto un taccuino che mi rappresentasse, che esprimesse la voglia di felicità che mi pervade non appena prendo una penna in mano e mi appresto a scrivere qualcosa, fosse anche la lista dei miei meno sul conto in banca. Devo dire, senza piaggeria, che questa piccola impresa del colore non sarebbe stata possibile senza due eventi importantissimi: l’incontro con Roberta Rizzi e i suoi taccuini e la spinta di Justine e Chiara e della loro Aubergine Factory ad una nuova impresa.

Resto una fan sconsiderata dei taccuini di Roberta: sulle loro pagine ho scritto cose importantissime.
Volete alcuni esempi? La lista dei 7000 e più fotogrammi che ho contato personalmente (ahahahahaha, una vera pazzia!!) e con cui è stato realizzato questo video, a cui Bastian Contrari ha collaborato nella realizzazione pratica (guardate al minuto 3.32 e 3.36: troverete la mia socia Clelia e la sottoscritta). La lista dei fortunelli  che hanno partecipato ad #Amorsi, alcune frasi di un libro che mi gira nella testa in questo periodo, numeri di telefono importanti, idee per il blog, articoli di giornale pieni di ispirazione… devo continuare?

Un giorno Justine mi chiama. Mi dice che Aubergine Factory si occupa della promozione creativa e della comunicazione di A Little Market, una piattaforma francese di vendita online che sbarca in Italia.
– Vuoi partecipare? – mi chiede.
– Cosa posso fare IO di creativo? – le rispondo.
E lei, che mi vuole bene e che in questi anni è un motore di grandissimo entusiasmo e speranza, mi risponde:
– Tutto.

Eccoli qui, i miei taccuini. Si chiamano LES CAHIERS DU BONHEUR.

les cahiers du bonheur, Zelda was a writer, taccuiniQuest’estate ho dipinto tutti i motivi che vedete nei pattern e ho deciso tre colori di sfondo per ognuno. Ci sono tutte le cose che mi stanno vicine e che spesso guardo con curiosità.
Sono affascinata dalle cose: restano, spesso molto più lungamente di noi. E ci sono esistenze dedite al loro possesso, come se quelle stesse cose, silenziose e imperscrutabili, fossero condizioni di felicità ultima, dorati lasciapassare per un’eternità fatta di accumulo e pancia piena.

les cahiers du bonheur, Zelda was a writer, taccuiniComunque i Cahiers li ho voluti leggeri leggeri, in tutto e per tutto simili ad un quadernino, ad una dispensa, a qualcosa di versatile e colorato che accompagni sempre i pensieri del suo proprietario-pensatore. Hanno una copertina colorata, pagine bianche e un’etichetta che ricorda le elementari.

Les cahiers du bonheur, Zelda was a writer, taccuiniles cahiers du bonheur, Zelda was a writer, taccuiniPer ora sul mio shop compaiono i primi tre, quelli con il motivo ad àncora.
Oggi conto di caricarne di nuovi, tutti fotografici. Poi ci saranno frutti e nuvolette.

Lo shop aprirà dal 24 settembre. Per ora si possono guardare e prenotare.
Devo definire ancora le spese di spedizione perché, ve lo devo confessare, non ci capisco niente.
Spero ne sarete felici quanto lo sono io, ogni volta che li vedo nelle mie mani e penso a quanti pezzi di vita ci scriverò. Spero anche che non vi verrà a noia la cospicua presenza dei Cahiers nelle prossime foto, nei prossimi post: giro per la città e mi viene in mente che potrei dipingere tutto, per farlo diventare un taccuino… ;)

Les cahiers du bonheur, Zelda was a writer, taccuini

Mille bacibellissimi!
xoxo

48 pensieri su “Les Cahiers du Bonheur: i taccuini di Zelda!

  1. biancoreartico

    M E R A V I G L I A !!!
    Soprattutto il motivo ad àncora… ho comprato proprio quest’estate una spilla anni ’30 di quella forma lì!
    In bocca al lupo per questo nuovo progetto :)

    Replica
  2. Giulia

    Yuhoo! Ma sono bellissimi! Li voglio! Vado subito a prenotare i miei, ciao!
    (Ultimamente sono molto sintetica, sono sempre un po’ di corsa, ma volevo dirti che ti stimo tantissimo. E grazie. E di nuovo ciao. E molti abbracci)

    Giulia

    Replica
  3. margherita

    sono veramente adorabili, il tipo di quadernetto che adoro e che compro anche se poi non ci scrivo niente sopra, giusto per tenerlo in borsa e portarlo con me dovunque! Complimenti :D

    Replica
    1. Giornalista Chiacchierona

      Quello con la polaroid sono io :D
      Ne comprerei a migliaia, anche io solo per averli… senza temere di non poterli compilare :D
      Ne ho tanti di quaderni e diarietti… troverò il modo per riempirli, non ho paura di lasciarli inutilizzati, amo scrivere.
      Conta solo questo.
      Ti seguo e mi piaci molto!

      Replica
      1. Zelda was a writer Autore articolo

        Quanto, ma quanto quanto, ti capisco!
        Sistemavo il mio armadio della carta, poco fa… è pieno di taccuini mai usati, ma che delizia ricordarsi dove li ho comprati, quale coraggioso moto di fiducia verso la scrittura a mano!
        Un sorriso <3

        Replica
  4. V.

    Ciao e ancora ciao!! (due volte dato che non ti avevo ancora salutata come si deve) Bentornata!
    Ma è tutto assolutamente STUPENDO (bravissima!) Provo a prenotare..se combino pasticci ti manderò una mail per chiedere aiuto. Porta pazienza, sono un disastro <3
    Baci fatati

    Replica
  5. S'Notes

    Anno (scolastico) nuovo, taccuino nuovo!!!
    Bellissimi! Alla Moleskine gli fai un baffetto!!
    Li voglio assolutamente per i miei prezioni appunti milanesi del mio blog :)

    Replica
  6. quandofuoripiove

    Non bastava Justine a mettere a rischio la mia provatissima carta di credito, ci pensi anche tu, ora! E come faccio a fermare lo shopping compulsivo se per giunta ho vist nascere su instagram disegno dopo disegno?
    Vabbè, cedo…

    Replica
  7. Giorgia

    Io quelli con le diana li voglio di tutti i colori…ti tengo d’occhio per prenotarli appena li metti nello shop! Tutti i miei pensieri sconclusionati saranno felici di riversarsi su pagine trasudanti il tuo entusiasmo! Sei un vulcano e sei stupenda! Posso diffondere?

    Replica
  8. lia

    bellissimi i taccuini con disegni nostalgici, ma la borsa a crochet che li contiene è stupenda,come al solito fotografata ad hoc,son curiosa, l’ hai realizzata tu?
    ciao

    Replica
  9. Giornalista Chiacchierona

    Ho appena prenotato il quadernino fucsia con le polaroid :)
    Ieri ho resistito, ma oggi mi sei ricapitata nel reader di google perché ti avevo lasciata “da leggere” per approfondire un po’ l’argomento…
    Così mi sono ritrovata 10 euro nella postepay, il tuo market linkato in bella vista e… mi sono buttata!

    Replica
  10. Lorenzo

    Molto belli, però almeno nella descrizione dello shop ti consiglio di inserire i dati tecnici dei taccuini:
    Quante pagine sono, di che grammatura, se sono bianchi a righe o quadretti e sopratutto le dimensioni A5/A6/Formato speciale

    Ciao
    L.

    Replica
  11. Rock n Mode

    quello con le ancore ha scritto il mio nome sopra, lo devo prendereeeee!!! Sono tutti meravigliosi, è una bellissima linea, ma da te non poteva che uscire qualcosa di bellissimo, non avevo dubbi!
    Bacino!!
    Lau

    Replica
  12. Pingback: Photocollection of moments – un bambino e un pallone « Colors on the Road

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *