18 febbraio 2013

La scatola dei ricordi: il 2012

Camilla - Zelda was a writer

d.i.y. Daily thoughts

la scatola dei ricordi: 2012Buongiorno a Tutti, cari Zeldiani! Oggi vi parlerò di una scatola di ricordi che sto costruendo da qualche settimana.
Chiedo da subito perdono per l’ipertrofia fotografica di questo post, ma ero davvero in difficoltà: tutto mi sembrava necessario, tutto mi chiedeva di essere pubblicato.

Con l’inizio del mese ho deciso di fare ordine nel mio computer e di spostare le foto dell’anno scorso nell’hard disk esterno che ho comprato solo per le fotografie, vista l’attività frenetica di Mrs Canon.
Scorrendo gli scatti, però, mi è venuta un’insana voglia di stamparli, per fermarli nel ricordo e renderli più veri, più tattili. Inoltre mi sono venute in mente le cartoline che colleziono con tanta curiosità e mi sono chiesta: cosa resterà ai posteri di me? Chi potrà fantasticare su una mia foto, senza sapere da dove arrivi e a che vita sia appartenuta? 
Da questo pensiero alla sua attuazione è passato il tempo necessario per selezionare le foto dei primi due mesi e di portarle a sviluppare. Averle tra le mani ha dato il via a tutto il resto… questo post è la fotocronaca del mio piccolo progetto, non propriamente un tutorial, ma un piccolo invito a onorare i vostri ricordi.

Dopo aver cercato album di varie fogge e considerato la coraggiosa idea di scrapbookare il tutto, ho deciso che le mie foto – un giorno del futuro più lontano – dovranno essere libere di viaggiare per il mondo come piccole citazioni dei miei goffi tentativi di felicità e così comprato una scatola lilla. L’ho trovata senza premeditazione, ma è chiaro che si può ottenere lo stesso effetto (risparmiando) con una scatola di scarpe inutilizzata.
Ecco come l’ho arricchita…
la scatola dei ricordi: 2012la scatola dei ricordi: 2012Finita la scatola e fotografata da tutte le prospettive possibili, ho deciso di occuparmi delle foto stampate… sul retro di ognuna ho indicato la data in cui è stata scattata e una manciata di parole di descrizione o ispirazione. Infine, ho aggiunto pezzettini di washi tape per renderle più preziose.la scatola dei ricordi: 2012Per ora solo gennaio e febbraio sono nella scatola (con una preziosa aggiunta di poche ore fa di cui vi parlerò mercoledì), ma conto di selezionare e stampare presto altri due mesi... la sensazione che nasce da questa piccola raccolta è di avere passato un anno meravigliosamente utile, nonostante le fatiche e i momenti di nero scoramento…

Consiglio a tutti di recuperare i ricordi più belli dell’anno appena passato: sarà di grande aiuto per quello in corso!
la scatola dei ricordi: 2012Che sia una magnifica settimana per tutti voi!
xoxo

18 pensieri su “La scatola dei ricordi: il 2012

  1. raffaella

    Bellissima!!!!!!! io ne ho diverse di scatole con le foto (non così belle!) perchè sono una inguaribile amante dei ricordi….ne ho fatte fare due anche ai bimbi, dove oltre alle foto hanno messo piccoli oggetti del loro giovanissimo passato!
    (adoro “la foto nella foto”!!!!!!!!!)
    baci

    Replica
    1. Zelda was a writer Autore articolo

      Mentre pensavo a dove mettere le foto, mi è venuto in mente che un raccoglitore/libro sarebbe stato più gestibile (lo spazio qui si riduce drasticamente…) ma la scatola, beh, la scatola ha un sapore unico!
      Brava Raffaella! Chissà come saranno felici i pargoli da grandi!
      <3
      Buona settimana e baci(molti)!

      Replica
  2. Niki_la_bi

    ti seguo sempre anche se non ho mai commentato. questa idea mi piace tantissimo. io amo stampare le mie foto perchè tenere fra le mani il ricordo e assaporarlo non ha prezzo. per me la foto è soprattutto un modo per fermare un momento e renderlo immortale. la tua è un ottima ispirazione per sistemare tutte quelle che ho stampato ma che per problemi di denari non ho ancora sistemato nei canonici raccoglitori (serve un mutuo per comprarli). grazie ;))
    Nicole

    Replica
    1. Zelda was a writer Autore articolo

      ciao Nicole!
      contentissima di questo commento!
      in effetti, dopo che le foto sviluppate hanno perso la loro parte pratica, un’ondata di aura le ha avvolte, rendendole un viatico di poesia nostalgica e di sorrisi colorati!
      sono contenta di averti regalato un piccolo spunto per continuare la tua raccolta <3
      Benvenuta qui,
      Camilla

      Replica
  3. Vero

    Una bella cura di ricordi e buon umore. Io ho una scatola sola dove ho raccolto tutti i ricordi del mio erasmus…cartine geografiche, cartoline, post-it delle coinquiline, qualche foto, una carta da gioco trovata per terra nel cammino verso casa…la bandiera con le firme dei miei amici sparsi per l’Europa. Quando la riapro si ferma il tempo, anzi, si viaggia nel tempo.

    Replica
  4. Eleonora

    Vabbeh, ma quanto è bella questa scatolina?! Anch’io ho pensato diverse volte di farla, ma poi mi trovo sempre inondata da centinaia di foto da sistemare e postprodurre che non riesco mai a iniziare col progetto.
    Un paio di domandine:
    1) il washi tape dove l’hai trovato?!
    2) la stampa è professionale oppure è fatta in uno di quei laboratori che ti stampano le foto in meno di un’ora? Te lo chiedo perché sto cercando un laboratorio che stampi in modo serio :)
    Grazie!

    Replica
  5. Robedamamma

    Io ne ho una con le foto della mia famiglia. Quasi tutte in bianco e nero. Quando la apro mi scoppia il cuore! Poi da quando è nata mia figlia ne ha una anche lei: foto, cartoline dei posti in cui siamo stati, biglietti delle sue prime volte, ritagli di giornale e molto altro. Le scatole dei ricordi sono un tesoro meraviglioso! Valeria

    Replica
  6. Beatrice

    Camilla, vorrei perdermi in complimenti su quante idee, spunti e ispirazioni continui a produrre con una fantasia inarrestabile (per la cronaca: ho appena comprato 10 Città e 1 Sogno!), ma passo alla domanda pratica: dove trovi i centrini di carta piccoli?
    Io li sto cercando in lungo e in largo da tempo (indovina un po’ su quale blog ho appreso della loro esistenza…), ma senza risultati.
    Un bacio e un grazie!

    Replica
  7. Deborah

    Brava la mia Zelda!
    io amante delle foto faccio questo lavoro ogni anno, mancando però la dovizia del particolare sul retro ;)
    Poichè l’anno 2012 però aveva scatti davvero speciali ho dovuto scegliere quelli x me più emozionanti. Ho optato x stampe 20×30, utilizzato del cartoncino e dato loro una sola parola, stampandola con la dymo old style.
    Senza dire che mi sono divertita un sacco nel farlo ne è venuto fuori un gran bel lavoro!
    bisous

    Replica
    1. Zelda was a writer Autore articolo

      Ma bella l’idea della dymo!!
      E’ da qualche tempo che la guardo con curiosità… e dire che la odiavo con tutta me stessa, quando la usavo per lavoro :DDD
      Brava tu, Deborah! Questo fine settimana vado a far stampare marzo e aprile, ti tengo aggiornata <3
      Un bacio!

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *